Utente 951XXX
Ho un piccolo prolasso mitralico. Nonostante abbia avvisato di ciò il dentista....mi venne tolto un dente e preparato con perno nell'osso il sostegno per il dente che sarà impiantato.
Mi dicono che tale lavoro di impianto non va fatto in chi è a rischio di endocardite e dunque...il dentista ha sbagliato. Mi dicono che ora si può solo fare un Mariland e assolutamente non finire l'impianto del dente finto(ho già la vite definitiva in sostituzione di quella di guarigione). Che fare? E' vero che non andava impiantata la vite nel mio osso (superiore a sx).E come mi regolo con questo prolasso e le cure dentarie? A chi chiedere e potersi fidare?
Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, recenti linee-guida internazionali cardiologiche hanno stabilito che i soggetti portatori di prolasso mitralico di grado lieve "non" vanno coniderati soggetti particolarmente a rischio di endocardite infettiva e quindi il trattamento profilittaco antibiotico non viene più ritenuto necessario.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 951XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille è una buona cosa.
Ma l'altro dubbio che mi hanno messo in testa (si stanno litigando 2 dentisti x questa cosa)è questo:
impianto con perno nell'osso sì oppure meglio di no?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, mi dispiace ma il quesito non è di mia pertinenza.