Utente 803XXX
gentile professore
circa sette anni fa' dopo un elettrocardiogramma mi e' stata diagnosticata una possibile sindrome DI WPW.cosi' mi sono subito attivato per controlli piu' accurati tra cui l'esame transesofageo (esame molto"ANTIPATICO" dal quale pero'non e'venuta fuori (NEMMENO LI') una diagnosi chiara e certa.premettendo che al piu' presto faro' altri accertamenti, in quanto pratico pesistica a livello agonistico,volevo sapere se i stati ansiosi di cui soffro e i quali mi portano spesso a episodi di tachicardia e "fame d'aria" in aggiunta allo sport possono aggravare un eventuale patologia,e dove posso rivolgermi per una diagnosi risolutiva una volta per tutte.In oltre andando masochisticamente in giro per il web la sindrome wpw e'associata spesso a morte improvvisa,il che non migliora la mia ansia......
aspettando una sua risposta anticipatamente ringrazio,fabrizio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la sindrome di WPW puo' rimanere, in molti casi, del tutto asintomatica per tutta la vita. Tuttavia, come lei riporta e' legata all'insorgenza di aritmie pericolose per la vita. Il suo monitoraggio periodico richiede, pertanto, oltre alla comune visita cardiologica, test da sforzo ed Holter ECG. Soltanto nei cai in cui, il paziente riporta un susseguirsi di crisi di tachicardia o una serie di sintomi ad essa ascrivibili, vi e' indicazione allo studio elettrofisiologico.
Allo stato, il suo compito e' di recarsi almeno annualmente da un cardiologo per un controllo.
Saluti