Utente 406XXX
Gentili medici,
dalla ecografia addome completo odierna di mio padre, 76 anni, è risultato "reni bilateralmente in sede con spessore parenchimale ai limiti inferiori della norma."
Dalle analisi del sangue Creatininemia: 0,98 mg/dL (v.r. 0,50-1,20).
L'ecografo ci ha detto che sono assottigliati, come più piccoli della norma ma di non preoccuparsi perché nelle persone anziane accade.
La cosa che mi preoccupa è che l'ecografia del 22 agosto scorso registrava reni nei limiti normali. Cosa è successo nel frattempo?
Anche una ecografia renale del 13 luglio scorso parlava di dimensioni normali. Fatta a seguito di una febbre alta. Infatti il 3 luglio ha avuto la febbre a 40 e dolore al fianco. Dall'analisi delle urine risultò una infezione da Pseudomonas aeruginosa. Ha fatto piu cicli di antibiotico e poi è passata. Non so se ci può essere un collegamento.
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
la presenza di uno spessore corticale armonicamente ridotto bilateralmente associato a dimensioni longitudinali ridotte,può essere ascritto alla presenza di un quadro di nefroangiosclerosi.In generale negli anni,la pressione elevata ,anche se ben controllata dalla terapia,determina quelle alterazioni da Lei descritte.
LA presenza di una funzione renale normale,ci dice che ci troviamo di fronte comunque ad un quadro di compenso,seppur a rischio,in quanto verosimilmente la riserva funzionale è esaurita. In merito alle infezioni sarebbe utile capire se ci sono fattori predisponenti ad esse (ostruzioni da ipertrofia prostatica,problmei al colon).
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 406XXX

Iscritto dal 2016
Caspita! Ora sono davvero preoccupata! Eppure mio padre non soffre di pressione alta. Anzi è tendenzialmente bassa. Non vorrei che si sia alzata molto in qualche arrabbiatura che ha avuto? E che questi episodi abbiano provocato la nefroangiosclerosi. Lui soffre anche di sindrome frontale una forma di demenza che cura con la quetiapina. A volte uno dei sintomi è la difficoltà a controllarsi.
[#3] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
egregia signora,
vostro padre non ha mai assunto farmaci della pressione in passato? Li assume tuttora. Eseguite comunque un monitoraggio pressorio domiciliare e ricontrollate a distanza gli esami di funzione renale.
Cordialmente
RL