Utente 478XXX
Mi chiamo Gianluca ho 21 anni e credo di soffrire di telogen effluvium. Questo da ormai più di un anno dopo l'utilizzo di un prodotto decolorante applicato in casa in maniera aggressiva. Perdo abbondantemente più di oltre 100 capelli al giorno, direi approssimativamente dai 300 ai 400. L'ultima visita dermatologica avvenuta circa un settimana fa mi ha riscontrato alopecia androgenitica, questo però solamente con un test del capello molto approssimativo. La situazione attuale vede un diradamento pressochè totale, con maggior focus sulle tempie ma ancora molto contenuto. Non c'è stato ancora nessun arretramento dell'attaccatura. Adesso la mia domande è: come dovrei muovermi? Dovrei tornare dall'ennesimo dermatologo e dall'ennesima diagnosi aleatoria oppure dovrei fare delle analisi del sangue per controllare eventuali carenze? é possibile riscontrare una possibile cura partendo dal fatto che la caduta sia dovuta da questa lozione decolorante?


Spero in un eventuale risposta.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

"Tornare dall'ennesimo dermatologo e ricevere l'ennesima diagnosi aleatoria"?

Mi spieghi meglio cosa significa, in virtù del fatto che - ad esempio, io sono un Dermatologo Tricologo e NON eseguo diagnosi aleatorie, parimenti ai miei colleghi.

Mi perdoni ma credo comprenderà che non possiamo far passare frasi come questa, che non ci aiutano e soprattutto non aiutano lei a capire cosa in realtà abbia.

Nel frattempo la invito alla lettura di questo mio articolo per farle capire quanto ad oggi le diagnosi in Tricologia possano essere accurate:

http://www.medicitalia.it/blog/dermatologia-e-venereologia/1489-sto-perdendo-capelli-significa-prime-10-cause.html

Carissimi saluti
Dr Laino
[#2] dopo  
Utente 478XXX

Iscritto dal 2018
Buonasera dottore

Ha perfettamente ragione dottore, riconosco di essermi spiegato male. Mi dispiace sia passato un messaggio sbagliato. Parlo di diagnosi aleatorie in quanto date in maniera approssimativa e frettolosa dai dermatologi da me visti. Data la mia poca disponibilità economica a farmi visitare da un dermatologo di persona pensavo potesse essere possibile, visto il modo in cui sono stato visitato (solo pull test tutte le volte), ottenere qualche risposta anche per via telematica.

Avevo già letto il suo articolo, molto interessante.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissimo

Aiutarla più di così e superare una visita dermatologica già effettuata è un pò arduo.
potrà sicuramente trovare un dermatologo pubblico che potrà egualmente aiutarla. Non perda la speranza di migliorare questa situazione perchè la buona notizia è che ad oggi la Calvizie si può trattare con successo!

Saluti
Dr Laino
[#4] dopo  
Utente 478XXX

Iscritto dal 2018
Salve

La ringrazio dottore per la comprensione.
Non ho perso le speranze però ammetto di vivere la situazione con molta amarezza in quanto me ne sento, purtroppo, il colpevole a causa del fatto che la caduta è iniziata con l'utilizzo di quel prodotto ( NON può essere una coincidenza siamo onesti). Inoltre dalle numerose ricerche in rete sono sicuro che la mia caduta sia "anomala" se cosi si può dire; purtroppo non sapendo come muovermi e non avendo ricevuto risposte soddisfacenti mi ritrovo con la faccia al muro. Se le riportassi in maniera dettagliata i sintomi e le visite potrebbe darmi qualche delucidazione?
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Ci provi
[#6] dopo  
Utente 478XXX

Iscritto dal 2018
Salve

La ringrazio, proverò ad essere conciso e ad inserire tutto ciò che ritengo rilevante.
Nell'estate del 2016 ho utilizzato in maniera MOLTO aggressiva una lozione decolorante che ho applicato non solo su capello ma su cute. Questo poco prima di andare al mare, dove ho fatto due settimane praticamente sotto il sole. Al rientro i capelli erano un disastro: si erano assottigliati, erano diventati molto secchi, fragili e hanno iniziato a diradarsi sulle tempie. Decisi di rasarmi ma alla ricrescita i capelli si sono presentati allo stesso modo del rientro dopo le vacanze estive, forse un po meno sfibrati. Era come se si fosse modificata la struttura del capello, senza contare che i capelli erano decisamente più chiari. Vado cosi da un dermatologo: diagnosi, dopo pull test, alopecia androgenetica - cura, wnt deltacrin spray e uno shampoo per la forfora. Dopo 4 mesi torno in quanto non avevo avuto nessun risultato: diagnosi, senza nessun controllo, conferma alopecia androgenetica - cura, minoxidil 2%, 1ml solo la sera. Vado avanti cosi per un anno circa, con peggioramenti costanti ma apparentemente lenti, se non per il fatto che il minoxidil mi crea molta sensibilità a livello cutaneo, prurito e sporadica acne. Due settimane fa torno da un dermatologo, dato che mi vedo peggiorato: diagnosi, dopo solo un pull test, alopecia androgenetica e irritazione cutanea - cura minoxidil 2%, 1ml la sera e 1ml la mattina (" torna tra sette mesi, se non sei peggiorato continuiamo"). Quando applico il minoxidil lozione perdo circa 50 capelli, un po ovunque, e solo perchè cerco di limitarne la caduta ; mentre a lavaggi è difficile stabilirlo ma ne perdo veramente molti forse tra i 250. Adesso la situazione vede un diradamento generale con maggior focus sulle tempie ma nessun visibile arretramento dell'attaccatura. In famiglia non ho nessun parente con grave calvizia se non mio nonno che gli ha persi per un forte spavento che all'epoca lo rese pure balbuziente. Un ultima cosa sono vegetariano dall'estate del 2015.

Cosa ne pensa? può darmi qualche consiglio su come muovermi? Mi dica lei.
[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
I miei 2 consigli sono:

1. Fidarsi del dermatologo

2. Effettuare i controlli e possibilmente farsi elucidare ogni dubbio circa la possibilità di altre patologie correlate, in primis alopecia areata incognita

Ancora saluti
Dr Laino