Utente 354XXX
Salve, mi chiamo Davide e ho 35 anni. Negli ultimi 2 anni ho avuto circa 4 coliche renali, le ultime 2 ( 20 giorni fa e 5 giorni fa). Ieri ho effettuato l'ennesima ecografia all'apparato urinario, di seguito il referto.
RENI : bilateralmente in sede, di volume e morfologia regolare. In atto non immagini da calcoli, ne' da dilatazione calico pielica a sn, dove si evidenzia una piccola cistio parapielica di 2 cm. A destra idronefrosi di primo grado come da ostruzione parziale al flusso urinario a sede uretrale ( terzo medio : piccolo calcolo di 2 x 3 mm di diametro ), con residuo litiasico ai calici inferiori di 0.5 cm, con minima idronefrosi. Spessore corticale regolare, con indice di funzionalita' glomerulare nella norma. Flusso corticale regolare a sn, alti indici di resistenza e pulsalita' a sn, come da sindrome compressiva pielica di tipo idro nefrotica ( colica reno ureterale in atto ).

VESCICA : normo ampia, presenta pareti di spessore regolare, la mucosa e' liscia, ma edematosa, come da flogosi. Trigono regolare e sbocchi ureterali nella norma.

PROSTATA : di volume regolare, con la seguente biometria : scan long 4.5 gm , scan ant post 3.1 cm, scan trasv 4.6 cm. La morfologia regolare. Ecostruttura disomogenea, per la presenza di macro calcificazioni peri uretrali espressione flogosi.Capsula indenne.

VESCICOLA SEMINALI : di volume, morfologia ed ecostruttura regolare.

IN CONCLUSIONE : calcolosi ureterale dx con idronefrosi di primo grado, calcolosi residua renale dx.Piccola cisti parapielica sn, con segni di prostatire con peri uretrite.

Il medico urologo mi ha prescritto una terapia espulsiva :

silodyx x 8 giorni
ciproxin x 5 giorni
deltacortene 25 mg x 3 giorni
spasmex 80 mg x 8 giorni

Mi ha detto di non bere tanta acqua, quindi cosa significa di bere almeno 1 litro di acqua o di piu? Ho tanta paura di prendermi una setticemia e di morire, c'e' un rischio concreto?
Visto che soffro di prostatite da almeno 20 anni mi ha detto che la causa di questi problemi di calcoli e' imputabile alla prostata, confermate?
Lui mi ha detto che ho 2 calcoli, uno di 3 mmm e 5 mm, dal referto ne vedo solo 1 o sbaglio, comunque ho paura di operarmi e quindi spero che ci sia l'espulsione senza ricorrere ad altro, secondo voi ho speranza di cavarmela senza finire sotto i ferri. Dopo la cura cosa devo fare, verificare con un'altra ecografia oppure se non ho dolori andare avanti e sperare che non ho problemi in fururo. Grazie
[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il problema attivo è il calcolo di 3 mm che si trova a metà strada tra rene destro e vescica. Si segnala inoltre un altro piccolo calcolo sempre nel rene destro. Le dimensioni sono modeste, le possibilità di espulsine spontanea sono elevate e la terapia consigliata è quella che normalmente si pratica in queste situazioni. Diremmo che in linea di massima il rischio di complicazioni drammatiche sia remotissmo, quasi inverosimile. Concordiamo con le indicazioni a non esagerare con l'acqua in questa fase, il calcolo non si muove per la spinta posteriore dell'urina, ma per la compiacenza delle pareti dell'uretere, che si ottiene con la cura indicata. E' molto probabile che un calcolo così piccolo non venga rilevato alla sua espusione nelle urine. Pertanto, in ogni caso, l'ecografia sarà da ripetere tra 3 settimane circa anche in assenza di sinotmi significativi.
[#2] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Salve dottore, grazie per la risposta completa. Mi mancano altri 4 giorni di cura,il mio problema e' il dolore locazzito soprattutto al rene dx e anche in vescica. Il getto dell'urina lo vedo un po' debole e sottile, purtroppo io ho anche prostatite e una stenosi del collo vescicale,quindi temo che i calcoli seppur di minime dimensioni mi ostruisca del tutto il flusso urinario con blocco renale. Non so come comportarmi, aspetto e tengo duro altri 4 giorni e poi coss faccio, magari una visita urologica, sono confuso perche' e' dura avere dolori da 5 giorni,grazie.
[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La persistenza di disturbi importanti può talora imporre un cambio di strategia, anche se si tratta di un calcolo di piccole dimensioni.Ovviamente è necessariala rivalutazione specialsitica.
[#4] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Grazie, come ultima domanda per il momento, essendo un ragazzo che ha tantissimo stress e ansia sono finito al ps per tachicardia e senso di fiato corto. Mi hanno fatto l'elettrocardiogramma e analisi del sangue, dicendomi che ho avuto tachicardia sinusale per un attacco di panico,ma non vorrei che fosse la cura che sto facendo a farmi venire la tachicardia? Grazie
[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In effetti il Sylodix può indurre abbassamento della pressione e quindi tachicardia. Se il fenomeno si ripetesse sarebbe meglio segnalarlo al Collega che le ha prescritto la terapia.
[#6] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Questa non ci voleva mi mancano 4 giorni a finire la terapia, non so se prenderlo stasera o meno, visto che mi sento ancora nervoso e agitato e non posso capire se e' dovuto all'ansia oppure ancora all'effetto del sylodix di ieri sera, questo e' un bel dilemma caro dottore. In passato ho preso l'xatral e qualche piccola problema la notte l'ho avuto, abbassamento di pressione, che me ne faccio ora della terapia di espulsione se il farmaco principale se ne va a farsi benedire, scusi lo sfogo :(
[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Sostanzialmente, si fa quel che si può, le raccomandiamo comunque di parlarne appena possibile con il Collega che le ha consigliato la terapia.
[#8] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Ho parlato 1 ora fa con lo specialista e mi ha detto che e' solo ansia, stress e attacco di panico. Mi ha consigliato di finire la cura se voglio guarire, quindi mi tocca prendere il silodyx e pazienza. Mi sono dimenticato di dirgli quanta acqua bere, se 1 litro va bene, perche' quando bevo mi aumenta il dolore al rene e vescica, speriamo di guarire non voglio finire sotto i ferri
[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
"Sotto i ferri" per i calcoli, soprattutto quelli piccoli, non ci finisce piú nessuno da molti anni.
[#10] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Speriamo, questa notte ho avuto una fortr crisi dolorosa, ho preso il dicloreum 150 e per fortuna e' servito. E' dura lottare con il dolore da 7 giorni, grazie
[#11] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dottore, oggi ho fatto un'altra ecografia sempre dallo specialista, i 2 calcoli ci sono ancora, la dilatazione e' diminuita, mi ha detto che devo continuare la cura fino a quando non vengono espulsi, non gli ho chiesto se era meglio un intervento ma lui non me ne ha parlato, secondo lei e' una giusta strategia questa. Ho solo l'angoscia di prendere il silodyx per l'abbassamento della pressione, speriamo di no. Per alzare la pressione cosa si fa, stare sdraiati alzare le gambe e prendere acqua e zucchero? grazie
[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
È lecito attendere l'espulsione del calcolo fino ad un mese circa, a patto che nel frattempo non si manifestino disturbi importanti e complicazioni (es. febbre). In caso contrario sono. da valutare le indicazioni ad un intervento endoscopico (ureteroscopia operativa).
[#13] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Prima aveva scritto che sotto i ferri non ci finisce nessuno, dai spero che non ho febbre in futuro...un po' di ottimismo ci vuole
[#14] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dottore 36.9 , mi mancava la fobia della febbre :)
[#15] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per "ferri" ovviamente intendiamo l'intervento chirurgico a cielo aperto. Oggigiorno la quasi totalità dei calcoli meritevoli di trattamento operativo vengono brillantemente risolti con interventi endoscopici mini-invasivi oppure, limitatamente ad alcune situazioni, con l'applicazione delle onde d'urto.
[#16] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dottore ieri e oggi sono diminuiti i dolori, sento come pungere al fianco e dietro sul rene soprattutto dopo che urino. Che significa che il calcolo si muove durante la minzione. Poi un'altra cosa, camminare o stare fermo e' uguale oppure non muoversi il calcolo non scende.grazie
[#17] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il calcolo fa sostanzialemnte quel che vuole, a parte la terapia espulsiva non vi sono atri provvedimenti certamente efficaci da prendere. In genere la comparsa di disturbi legati all'urinare corrsponde alla presenza del calcolo nell'ultima parte dell'uretere, purtroppo però lo sbocco in vescica (meàto) è il punto più stretto di tutto il decorso.
[#18] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
I calcoli di 3 mm e 5 mmm anche se lo sbocco in vescica e' stretto dovrebbe avvenire, non crede? Ho letto calcoli espulsi di 9 mm, vedremo
[#19] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dottore ma non esiste un altr medicinale per aiutare l'espulsione o meglio per sciogliere il calcolo. Perche' questi 2 calcoli di 3 e 5 mm fino ad 1 mese fa era solo 1 calcolo di 8 mm, quindi si e' spezzato.
[#20] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
I calcoli non si spezzano. molto probabilmente si tratta di due parti che quando sono addossatte l'una all'altra all'ecografia possono sembrare un corpo unico.
[#21] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dottore domani mi compro l'urolin, cosa pensa di questo integratore, puo' aiutarmi con la terapia espulsiva, grazie sempre per l'attenzione
[#22] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Di certo male non le farà.
[#23] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dottore l'urolin ha effetti indesiderati , anche gravi? :)
[#24] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ma no ...
[#25] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dottore con la terapia sto meglio, ho pochi disturbi tra 1 settimana faccio ecografia di controllo. Da quando assumo silodyx ho l'eiaculazione retrogada, non mi esce lo sperma. Ho assunto in totale 10 pillole, ieri non l'ho presa ma ancora non esce, quando devo aspettare per normalizzare la situazione, grazie
[#26] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le auguriamo che la terapia "espulsiva" nel suo caso possa essere efficace, ma - come le abbiamo ripetutatmente scritto - nulla si può garantire e soprattutto in quali tempi.
[#27] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Ma non ha letto quello che ho scritto, ho chiesto sul silodyx e la mancanza di sperma
[#28] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La retrospermia è un inevitabile effetto collaterale di tutti i farmaci alfa-litici, anche se l'entità è abbastanza variabile da soggetto a soggetto. Scompare rapidamente con la sospensione della terapia.
[#29] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Sono stato bene, oggi dolori forti nella zona vescicale e un meno forte al fianco destro, puo' essere dovuto sempre al calcolo o renella, che ansia e nervoso. Mi sa che ho anche sbagliato, ho interrotto da 2 giorni di prendere il silodyx per la mancanza di sperma, era meglio continuare
[#30] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ovviamente era mglio continuare, ma non si deve perdere d'animo.
[#31] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dolori fortissimi, sono andato la ps, ho fatto l'ecografia.
Esame eseguito in urgenza, per COLICA RENALE DX. In relazione al quesito clinico, si documenta dilatazione calico-pielica di 2 grado a carico del rene destro, con apprezzabilita' di concrezione litiasica nell'uretere prossimale di circa 10mm .Microlitiasi renale bilaterale. Vescica poco distesa
. Quadro clinico peggiorato, passato da primo a secondo grado di idronefrosi, il calcolo da 3 mm non esiste piu' , ma c'e' 1 da 10 mm all'inizio dell'uretere. Non so dove sbattere la testa, domani vado a fare la visita urologica, la paura dell'intervento sta diventando sempre piu' una cosa concreta.
[#32] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non deve temere ciò che la libererá da disturbi intensi ed invalidanti.
[#33] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Sono stato a fare la visita dall'urologo. Mi ha fatto una veloce ecografia al rene destro,nessuna dilatazione. Ho fatto un prelievo di sangue perfetto, nessun valore alterato. Devo fare una tac addome, per vedere se ho calcoli nell'uretere. Ha visto le mie ecografie e ha detto che non e' possibile vedere i calcoli nell'uretere, ma allora cosa hanno visto gli altri, e' strana questa cosa, non ci credo molto. Gli ho detto che i calcoli all'inizio e alla fine dell'uretere si vedono, mi ha detto di no. Ho fatto tante ecografie soldi buttati, non ci sto capendo nulla.
[#34] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Ormai ho dolori ogni giorno, ecco il referto della tac : Rene destro in sede, di normali forma e dimensioni, con idronefrosi di 2 grado determinata da calcolo di 12 mm in sede giuntale. Mi hanno prenotato per l'11 aprile, ma come faccio a resistere tutti questi giorni, ho anche un rialzo termico di temperatura di 37.4, come faccio a farmi ricoverare prima, sono stanco e disperato.
[#35] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Altro non possiamo dirle se non di rivolgersi al pronto soccorso. I centri di riferimento che trattano la clalcolosi urinaria hanno in genere delle linee d'accesso preferenzali per le situazioni che meritano una soluzione in tempi rapidi.
[#36] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Salve dottore, ho effettuato giovedi' un intervento di uretroscopia, purtroppo a causa di una stenosi non e' stato possibile rompere il calcolo, mi e' stato messo uno stent jj. Sto sanguinando causa stent da 3 giorni, la notizia positiva che il calcolo di 12 mm si puo' sciogliere. Ho paura di questo sanguinamento spero non sia una cosa grave. Tra 2 settimane devo fare rcografia renale per vedere se il calcolo si e' un po sciolto. Secondo lei quando puo' sanguinare ancora causa stern, grazie
[#37] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Con lo stent inserito, la presenza di tracce di sangue nelle urine è ovvia e non è predittiva di alcunché. Non sappiamo in base a che cosa i nostri Colleghi affermino che il calcolo "si possa sciogliere", comunque non possiamo che auguraglielo. Certo è che codesto "scioglimento" non deve tardar tanto a manifestarsi.
[#38] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Perche' il calcolo dai raggi non si vedeva e mi hanno detto che si puo' sciogliere. Spero di sopportare questi doloretti e non muoia dissanguato. Venerdi con i raggi lo stent era posizionato bene, pero ho letto che si puo spostare
[#39] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
E allora auguriamoci che il suo sgradito ospite sia davvero di acido urico e pertanto possa essere trattato con la terapia alcalinizzante che immaginiamo le sia stata consigliata.
[#40] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Devo prendere 2 settimane il litholsov mattina e sera, a me preoccupa il sanguinamento e i doloretti alla vescica.
[#41] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Doloretti e sanguinameto sono le ovvie conseguenze di un calcolo presente nell'ultimo tratto dell'uretere.
[#42] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Mi riferivo allo stent doppio j
[#43] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Lo stent non fa che amplificare questo tipo di manifestazioni, per contro evita l'insorgere di coliche vere e proprie.
[#44] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Da ieri ho febbre 39-40, mi e' salita dopo dolori schiena alta e torace, quindi non penso che sia dovuto dallo stent. Ho fatto ecografia di controllo ai reni senza dilatazione, valori sangue normali. Pero' questa febbre non scende ho paura di morire, senza sapere la causa
[#45] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non morirá di sicuro, ameno per ora ... ma ovviamente la complicazione febbrile deve essere trattata con opportuna terapia antibiotica.
[#46] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dottore dopo tanto tempo riscrivo qua, purtroppo ho avuto delle complicazioni, ho avuto il morbillo che mi ha portato una gastroenterite e successivamente una sepsi urinaria con 45k GB causato da un batterio enterococcus facieum. Le volevo chiedere ma si puo' togliere lo stent doppio j con l'urinacultura positiva a questo batterio? Ho fastidi alla vescica e al rene visto che il calcolo di 14 mm si trova ad inizio uretere. Poi dalle analisi delle urine c'e' sempre samgue. Sono spaventato e sfiduciato, grazie.
[#47] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Certamente non è un periodo fortunto per lei. Proprio per evitarle pene eccessive sarebbe opportuno che questo calcolo venisse asportato endoscopicamente appena possibile, visto che lo stent in sede ha ormai certaente reso la strada più facilmente percorribile allo strumento. Rimuovere unicamente lo stent non avrebbe alcun senso.
[#48] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Rieccomi dottore, la mia odissea non e' finita. Ho fatto una urinocoltura positiva per enterocco faecalis 500k. L' antibiogramma ha dato resistenza a quasi tutto : PIPERACILLINA : R
NITROFURANTOINA I
AZTREONAM R
LEVOFLAXACINA R
CEFOTAXIME R
GENTAMICINA R
NETILMICINA I
TETRACICLINA I
ERITROMICINA R
COTRIMOSSAZOLO+TIMETOPRIM R
RIFAMPICINA R
LINEZOLID S

Solo linezolid sensibile, il resto nulla non so che fare. Ho bruciore durante la minzione e dolore vescica. L'urologo mi ha detto di prendere fermenti ho sempre probl di intestino e brufen per i fastidi... ma per il batterio che faccio, come lo curo, non esistono altri antibiotici, sono sfiduciato. Nell'antibiogramma non vedo se il ciproxin e' sensibile o no.
[#49] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il riscontro di batteri gram positivi (es. enterococchi, stafilococchi, ecc.) all'urocoltura deve essere considerato sempre con molta attenzione, poiché questi germi raramente sono la vera causa di infezioni ed assai più spesso derivano da una contaminazione del campione di urine da parte di batteri presenti sulla pelle dei genitali e nell'ultimo tratto dell'uretra. Pertanto è importante valutare se vi sono reali segni di infiammazione urinaria (presenza di abbondanti globuli bianchi al sedimento dell'esame delle urine), febbre, sintomi specifici. E' importante fare queste considerazioni priima di partire alla carica con antibiotici molto aggressivi, accertandosi che siano veramente utili.
[#50] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Riporto l'esame delle urine

Colore giallo oro
Aspetto torbido
Glucosio 0
Proteine 0
Emoglobina 3
Chetoni 0
Bilirubina 0
Urobilinogeno 0
Nitriti 0
Peso specifico 1.024
Leucociti 20-25
Emazie 8-10 c.v.m
Discreto numero di cellule b.v.u.
Discreta batteruria.
Discreto numero di urati amorfi.

Al momento non ho febbre, ho bruciorr nell'uretra, a voltr mi fa male vescica e rene dove ancora ho lo stent
[#51] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La situazione deve essere giudicata dai Colleghi che la seguono direttamente, ma avremmo qualche dubbio sull'intraprendere ora una terapia antibiotica particolarmente aggressiva. Molto più importante sarebbe definire tempi e modi dell'intervento risolutivo.
[#52] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Per intervento risolutivo intende rimozione stent? E' programmato per il 18 giugno. Leucociti 20-25 sono tanti? Il d-mannosio potrebbe aiutarmi per questa situazione?
[#53] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ci risulta che vi sia ancora un calcolo da rimuovere, abbiamo certezze che sia stato espulso nel frattempo?
[#54] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Purtroppo e' stato frantumato e sto prendendo l'urolyt, spero che vengono espulsi
[#55] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Dottore, d-mannosio puo' essere un prodotto che mi aiuta a risolvere i problemi con l'enterococco?
[#56] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Sostanzialmente no.
[#57] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Ho letto tante testimonianze di efficacia, quindi senza antibiotico non esiste nessun farmaco o integratore che puo' migliorare la situazione. Povero me
[#58] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Rilegga il nostro contributo #49
[#59] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Si ha ragione. La mia preoccupazione grande che l'enterococco e' resistente a tutti gli antibiotici e sono condannato a morte. Gia' in questo antibiogramma ne rimane solo 1 sensibile, esistono altri antib o sono tutti questi. Mi sento come se non ci fosse nessuna cura per me