Utente 953XXX
gentilissimi
Propongo a voi il mio caso,a quanto pare di complessa risoluzione. Sono trascorsi ormai 4 anni dalla comparsa si queste macchie cutanee sie sotto ascelle, sotto il seno e in corrispondenza del'ombellico. Sono via via cresciute in estensione in un continuo e strano evolversi della situazione. La prima visita dermatologica non ha dato grandi frutti, mi fu diagnosticata una micosi e mi furono stati prescritti degli anti micotici . La seconda visita ha portato al'utilizzo dell'Halciderm combi. Farmaco che ha si, dato dei miglioramenti, ma alla consueta interruzione il problema si ripresentava: macchie marroncine che aumentavano e si irritavano con la sudorazione. Devo segnalare due episodi di desquamazione della cute, ciò mi ha permesso di procedere con l'esame della pelle e escludere micosi. L'esame risultò negativo. Esasperata cambio dermatologo che suppone una pseudocantosi nigricans , mi presrive l'utilizzo del pevaryl e gli esami di routine, risultati nella norma. Abbandono dopo mesi la terapia precedentemente precritta, arresa e disagiata. Il mio ultimo tentativo risale a pochi mesi fa , un'ulteriore visita da un nuovo dermatologo. Porto le mie analisi con i segunti valori
Tsh 0,71
FT3 3.5
FT4 12.0
Ricerca Dermatofiti : NEgativa
DAl prick Test è emerso
Acari Mix +--
Graminacee +--

Dopo aver fatto veder ciò , stupiti dalla totale assenza di sintomatologia assenza di pruriti e bruciori e la frequente ricomparsa accentuata sopprattutto nei mesi estivi, si ispessiscono e si scruriscono le macchie, giungono a diagnosticare un eczema seborroico prescrivendomi un Ketomousse da applicare una volta al di e un Dermyc detergente.
Tutto ciò , non ha portato a nessun miglioramento.
Ora pongo la questione a voi.
Vi rinrazio per la cortese attenzione e per le eventuali dritte e consigli di ogni tipo .
Porgo i miei più cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

di sicuro la via telematica certo non può superare la visita specialistica diretta: è opportuno sottolineare che le zone da lei elencate, non sono solitamente associate alla dermatite seborroica; sicuramente, se la sintomatologia persiste è necessario riprodurre il consulto avendo l'accortezza di non applicare nei giorni immediatamente precenti la visita, nulla che possa alterare il quadro a chi dovrà interpretarlo.

cari saluti e ci tenga pure aggiornati degli sviluppi.