Utente 540XXX
Salve a tutti,
da qualche settimana avvertivo dei dolori ai reni, come se avessi preso un colpo di freddo. Non mi sono preoccupato più

di tanto.
Poi il 31/12 appena svegliato ho iniziato a sentire un dolore ad entrambi i reni che con i minuti cresceva sempre più.

Dopo poco tempo essi si facevano insopportabili, tanto da chiedere a mia moglie di portarmi all'ospedale. Recatomi al

pronto soccorso, mia hanno fatto urinare in un piccolo contenitore e successivamente hanno inserito un cartoncino

graduato nel contenitore. Dopo aver verificato il cartoncino mi hanno inviato ad eseguire una ecografia renale. Intanto

mi iniettano via endovena Toradol.
Il risultato dell'ecografia recita così:

"Reni regolari per dimensione e struttura.
A sinistra segni di microlitiasi e lieve pielocalicectasia.

Diagnosi:
Micronefrolitiasi."

Mi è stato prescritto Toradol 30 mg fiale al bisogno, Rilaten 3 volte al giorno e terapia idropinica oligominerale 2

litri/die.
Poi di eseguire un esame urine completo.

Ora la situazione va meglio e solo ieri notte ho avuto un episodio leggermente flogistico ma che è passato dopo poco.
Quello che vorrei chiedervi, è:

Dovrò eseguire altri accertamenti?

Sono ora predisposto per altre coliche?

Ci sono modi per prevenire questa dolorosa patologia?

Grazie e Cordiali Saluti

Tony

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Bere 2 o 3 litri al giorno di acqua a basso contenuto fisso e' gia' un buon metodo per ripulire i reni dalla microlitiasi; d'altra parte non ve ne sono molti altri che aiutino a ridurre i rischi di colica renale...
Il consiglio e' quello di tenere comunque sotto controllo il suo problema, sia valutando periodicamente la funzionalita' renale, tramite accertamenti ematochimici di base, sia mediante l'ecografia, che potra' essere ripetuta nel tempo secondo il giudizio del suo Medico Curante o di uno Specialista Urologo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 540XXX

Iscritto dal 2008
Salve Dottore,

la ringrazio per la risposta.

Volevo chiederle:

dove lei parla di "valutando periodicamente la funzionalita' renale, tramite accertamenti ematochimici di base", a che esami in particolare si riferisce?

La ringrazio ancora

Cordiali Saluti

Tony
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Azotemia e creatininemia sono i primi valori che in genere si vanno a controllare per valutare la funzionalita' renale.
Cordiali saluti