Utente 486XXX
Buongiorno, ho 62 anni, da giugno 2017 sono in terapia con Reaptan 5/5 per ipertensione essenziale.
Il mio cardiologo mi ha detto più volte che il sintomo che avverto non è da ricondurre alla terapia per la pressione.
La mia domanda è questa. Nel mese di ottobre 2017 ho iniziato ad avere dei forti pruriti in testa. Inizialmente ho pensato all’effetto della terapia pressoria, poi ad effetto della tintura dei capelli (che peraltro è del tutto naturale e faccio da anni) dopo una decina di giorni mi accorgo con sgomento di avere la pediculosi (62 anni !!!). Prima provo medicine e shampoo naturali (Puressentiel, Olio di Pid, Hedrin ) senza nessun risultato. Passo al Milice e nel giro di 20 gg il tutto scompare. Continuo per qualche tempo a lavarmi i capelli con il solo shampoo della Milice per prevenire delle recidive.
Da metà febbraio ho iniziato ad avere di nuovo dei pruriti in testa. Mi sono fatta prendere dal panico ed ho subito fatto un trattamento con il Milice (20 minuti di posa) e dopo tre giorni (!!!!) l’ho ripetuto e sono rimasta in posa con la spuma per 2 ore purtroppo. Da allora ho dei bruciori al cuoio capelluto con relative bollicine soprattutto alla nuca sulla fronte e dietro le orecchie con relativo prurito. Il cardiologo mi ha più volte confermato che il Reaptan non è responsabile di questa sintomatologia o effetto collaterale, che la causa è da collegare a stress o ad una dermatite allergica per quello che ho fatto con il Milice. Il fatto è che non tende a scomparire il fastidio: la sensazione è urente anche se non il cuoio capelluto non risulta arrossato ma ho solo delle bollicine. Cosa posso fare per alleviare il fastidio e quanto ci vorrà per riportare tutto alla normalità. Ho sicuramente sviluppato una allergia da contatto con l’abuso delle sostanze chimiche del Milice. Ho usato dell’idrocortisone ma il sollievo è temporaneo. Attendo una sua cortese risposta
[#1] dopo  
Dr.ssa Sonia Maria Devillanova
28% attività
20% attualità
16% socialità
SELARGIUS (CA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Tenga presente che i prodotti per la pediculosi sono estremamente irritanti e bisogna seguire scrupolosamente le indicazioni del medico. Al secondo episodio di prurito forse aveva una dermatite seborroica e il trattamento contro i pidocchi ha peggiorato la situazione . A distanza non si può dire cosa è successo e come trattare la forma. È necessario che si rivolga al più presto da un dermatologo. Inoltre per ora non faccia tinture non esistono tinte naturali e non è detto che ciò che è naturale non possa procurare allergia. Cordiali saluti