Utente 124XXX
salve, dopo un dolore al perineo mi sono rivolto ad uno specialista il quale mi diagnosticato una prostatite dandomi come cura un farmaco (tauxib-keraflox) per 5 giorni per 3 mesi. Per conferma mi sono rivolto ad un altro specialista il quale invece, dopo avermi fatto una visita piu' approfondita (ecografia) ha notato un varicocele al testicolo sx, e notando una mia preoccupazione sulla fertilità (sposandomi tra meno di un mese...)mi ha consigliato di fare l'esame spermiogramma e lo sweeling test che di seguito riporto:
Volume 1.8, ph 7.7, aspetto proprio, viscosità aumentata, fluidificazione fisiologica, concentrazione nemaspermica 68.000.000, conta nemaspermica 122.400.000, motilità alla 2° ora 50%, rettilinea veloce 30%, rettilinea lenta 0,discinetica 20, agitatoria in loco 0,motilità alla 4 ore 50%,r.vel.oce 25%,discinetica 25%,forme tipiche 28,atipiche 72,leucociti 300.000 cellule germinali rare, cellule epiteliali rare, zone di spoiagglutinazione alcune. Swelling test 74, testosterone 5.24, prolattina 5.1

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente, può anche essere ma che un singolo episodio di dolore perineale sia imputabile ad una prostatite lo trovo un pò improbabile.
Per il discorso fertilità direi che lo spermiogramma è nel complesso discreto a parte una modesta riduzione della motilità e un volume dell'ejaculato basso (quanta astinenza aveva tenuto per lo spermiogramma?; ha perso del campione durante la raccolta?)
Sarebbe per noi utile sapere il grado del varicocele sinistro!.

Le consiglio in ogni caso di riportare al Collega che la segue i referti per decidere il da farsi.

Un cordiale saluto

Dott. Benaglia
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
decisamente migliore l'impostazione diagnsotico-terapeutica data al Suo problema dal secondo degli Specilaisti consultati.
L'ipospermia (ridotta quantità dell'eiaculato raccolto), ove confermata in successivi controlli e non imputabili ad errori "tecnici", merita un approfondimento investigativo.
Auguri per il Suo imminente matrimonio e per la prossima Pasqua.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO