Utente 956XXX

La ricerca di - asportazione di nodulo di neoplasia epiteliale con aspetti duttali e pseudoghiandolari, di origine metastatica. Markers oncogeni, CEA 365,60, ALFAFEPROTEINA 1,56, CA 19.9 0.95, CA 125 508,40 - non ha prodotto risultati in nessun documento.
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Cosa vuol dire?
[#2] dopo  
Utente 956XXX

Iscritto dal 2009
A seguito di una neoformazione sul fianco dx mi sono rivolta ad un chirurgo per l'asportazione, e l'esito dell'esame istologico è: "nodulo di neoplasia epiteliale con aspetti duttali e pseudoghiandolari, di origine metastatica";
recettore estrogenico focalmente positivo.
Dopo ciò il chirurgo mi ha sottoposto ad una serie di esami clinici compresi i markers tumorali ed il risultato è:
CEA 365,60, ALFAFEPROTEINA 1,56, CA 19.9 0.95, CA 125 508,40.
Sono stata successivamente sottoposta a TAC addome e toracico con il seguente risultato:
"l'esame total body, condotto con tomografo spirale, prima e dopo contrasto organo-iodato per via endovenosa e previa distensione delle anse intestitali con mdc opaco, evidenzia: compatta formazione di tessuto molle che occupa il mediastino medio, c.
onfluente a dx, che circonda il bronco lobare superiore, comprime e maschera la cava ed i vasi polmonari di questo lato, occupa la carena comprime la trachea, in contiguità con formazione parenchimale a contorni irregolari per ramificazioni radiali, che dopo contrasto manifesta enhancement disomogeneo.
Macronodulo a contorni irregolari e densità disomogenea, si segnala nel campo inferiore di dx.
Surreni aumentati di volume e densità disomogenea dopo contrasto.
Linfonodi ingrossati in area mesenterica superiore.
Ingrossamento splenico con lesioni multiple che si demarcano come ipodense dopo contrasto.
Aspetto lievemente iperdenso di alcuni corpi vertebrali; si consiglia scintigrafia ossea.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

direi che è opportuno effettuare una biopsia di una delle lesioni più facilmente aggredibili. Il fatto che il recettore per gli estrogeni sia positivo sul pezzo precedentemente asportato mi porterebbe ad indagare anche la mammella. Tra i vari marcatori eseguirei anche il Ca 15.3 . Dopo una accurata tipizzazione è opportuno intraprendere una terapia medica.

un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
[#4] dopo  
Utente 956XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottor Pastore, effettivamente il ca 15.3 è stato il primo ad allarmare,tant'è che mi sono sottoposta a mammografia e ben 2 risonanze magnetiche; la prima manifestava un piccolo spot tipo enhancement con curva non sospetta, la seconda non rilevava più nulla.Comunque a dicembre ho fatto l'esame citologico ago aspirato mammella dx, negativo per cellule atipiche. La diagnosi definiva di questi lunghi ed estenuanti esami è: Neoformazione sottocutanea fianco dx. (Metastasi da CA occulto), neoformazione dell'Ilo polmonare dx.
In questi giorni mi sta torturando la tosse, ho l'affanno per niente, sono debolissima.
P.S.
Avevo dimenticato di riferire che ho 52 anni e che nel 1995 ho subito una isterectomia uterina con annessi in situ per fibromatosi e varicocele pelvico.
Vorrei sapere se ho speranze di cure o se devo abituarmi all'idea di dover cessare di vivere.
Grazie.