Utente 420XXX
E' ormai da ottobre che saltuariamente mi appargono delle macchie rosse sul glande ma senza provocare nessun bruciore o prurito. Le macchie solitamente vanno via nel giro di alcuni giorni. Ho provato, verso novembre a fare un trattamento settimanale con canesten 1% una volta al giorno sotto consiglio di un infermiere. Il problema si risolse, ma come di consueto riapparve nel giro di un mesetto. Da lì il problema sussiste. Recentemente mi sono recato al dottore e gli ho esposto il problema; senza che mi visitasse mi ha prescritto una crema antibiotica, una crema per morroidi valida anche per trattamenti al glande e un detergente intimo Trosyd. Non ho iniziato la terapia poichè sostengo che le medicine assegnatemi sono troppo invasive. Alcuni giorni fa, parlando sempre con il mio amico infermiere, mi ha proposto una crema a base di cortisolo, Pevaril. Lui comunque sostiene che arrossamenti temporanei sono usuali nell'uomo e sono causati semplicemente da un'irrorazione diversa in vari periodi. Premetto che ho avuto l'ultimo rapporto intorno ai primi di ottobre; sono stato sempre e solamente con una ragazza per molto tempo.
Come si può capire, sono preoccupato ma voglio risolvere il problema. Attendo pareri, per qualsiasi altro tipo di informazione sono disponibile. Grazie in anticipo per l'attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Balanopostite, Lichen scleroatrofico, malattia di Zoon, eritroplasia di Quyrat, Psoriasi, altre malattie immunologiche e infiammatorie, patologie precancerose..

Questo solo per farle alcuni esempi di quante condizioni possono insorgere primariamente con la descrizione che fa.

Si affidi NON all'amico infermiere che saprà far bene il suo lavoro ma non può assolutamente fare diagnosi e tantomeno prescrizioni mediche, ma all'esperto medico specialista dermatologo venereologo per fare il punto della situazione

Carissimi saluti
Dr Laino