Utente 632XXX
Gentili signori medici,
sono un ragazzo di 19 anni, che da circa 7 mesi ha rapporti sessuali regolari con la sua ragazza.
Da poco più di un mese, però, sto avendo un problema che mi porta a non poter più avere rapporti..
Tempo fa, infatti, la vagina della mia ragazza non era abbastanza lubrificata, e ciò ha portato alla lacerazione parziale del mio frenulo.. una piccola ferita, con conseguente fuoriuscita di sangue, ma niente di grave.. dopo due minuti il sangue si è fermato, e il frenulo faceva male solo se stimolato.
Tuttavia, come già detto, anche nei giorni a venire, da allora, sto avendo il problema di non poter più avere rapporti sessuali, a causa del dolore portato dal frenulo, dolore che è anche amplificato dalla paura psicologica di poterlo lacerare ulteriormente e pertanto dover poi necessariamente agire ambulatorialmente..
Ho letto molte domande e risposte riguardo al medesimo problema, ma se ho aperto un nuovo post è perchè sinceramente ho una gran paura dei ferri, e fino a quando posso evitarli, preferisco farlo..
La ferita è davvero piccola, e se la vagina è perfettamente lubrificata, una volta effettuata la prima penetrazione, il frenulo non duole più e posso avere un rapporto normale..
Pertanto chiedo a voi medici di darmi un consiglio su come agire..
Ho deciso che da ieri, per 20 giorni, non tocco più il mio povero organo, se non per urinare.
Posso applicare qualche pomata cicatrizzante, o qualcosa del genere? e a chi potrei rivolgermi oltre che al medico di famiglia? ma per l'operazione si paga?...io ho 19 anni!!, e sono uno studente..
Insomma, oltre che procedere con l'operazione, quali altri provvedimenti posso prendere?
Confido molto nella vostra gentilezza e nella vostra disponibilità.
Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte..
Cordiali saluti
Riccardo

PS: per un relativamente lungo periodo di tempo, ho avuto rapporti con la mia amata anche senza l'uso del profilattico, senza avere problemi di alcun tipo.. pertanto non penso di avere problemi di frenulo corto.. corregetemi se sbaglio.. Grazie ancora e auguri di buon anno!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile Riccardo,

una lacerazione incompleta del frenulo che determina dolore a rapporti successivi è a rischio di poter incorrere in ulteriore successiva lacerazione.
Le possibilità che ha sono:
-come ha prospettato: astinenza per un periodo e valutazione di come vanno le cose successivamente (bassa probabilità di risoluzione del problema)
-continuare ad avere rapporti con la possibilità di una successiva lacerazione completa che risolva "naturalmente" il problema (opzione dolorosa e nel suo caso potenzialmente psicologicamente fastidiosa);
-correzione chirurgica ambulatoriale ovviamente in anestesia locale (anestesia che potrebbe essere praticata anche con crema, senza puntura), che le consiglio vivamente, in quanto definitiva. L'intervento può essere tranquillamente eseguito in un reparto pubblico di Urologia.
[#2] dopo  
Utente 632XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo dr Pescatori,
la ringrazio per la celere risposta!..ma..oltre che chirurgicamente, altri possibili rimedi proprio non ce ne sono?
Magari anche qualche rimedio naturale.. qualsiasi consiglio è ben accetto!
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il frenulo è elastico, quando si rompe si forma cicatrice che elastica non è. Per cui la chirurgia è la terapia di elezione in casi come questi