Utente 958XXX
salve
sono un ragazzo di 25 anni convivente con una ragazza da 4 anni, premetto che ho sempre avuto una buona vita sessuale con tutte le mie ex(nonostante le misure non super) e la mia patner attuale,però purtroppo da un anno circa in modo graduale ho perso la voglia di sesso,a letto con lei sporadicamente riesco ad eccitarmi ma appena perdo la concentrazione cala l'erezione. Non nascondo che fino ad un paio di anni fa ho avuto un problema con la droga(5 anni, con notevoli quantità di cocaina, eroina ecc) ed ora prendo ancora il metadone con un dosaggio di 80mg, però fino ad un anno fa avevo sempre una voglia irrefrenabile (facevo sesso con la mia patner quasi tutti i giorni).Oltre questo, non so se centra, la mia dottoressa di famiglia mi ha diagnosticato un reflusso gastro-esofageo e dopo 10 giorni di cura ancora in corso, mi è passata l' acidità ma mi rimane un dolore al centro dello sterno.
Due mesi fa ho fatto degli esami di controllo e mi sono usciti dei valori alterati, dopo un confronto con altri miei esami più vecchi ho notato che sono sempre gli stessi: EMATOCRITO 39.0, NEUTROFILI 37.1, MONOCITI 14.0, NEUTROFILI 1.800 e uno nuovo EOSINOFILI 3.0.
Sono disperato e la mia ragazza più di me, perchè vuole un bambino.

Spero in un' aiuto, magari quali esami devo fare, non l' ho mai detto al medico curante perchè mi vergogno, è una donna e non riesco.
Vi ringrazio tutti anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egergio signore,
penso che sia necessario un consulto a tutto campo da un collega esperto. L' uso di metadone non altera il desiderio, possono alla base problemi ansiosi od ormonali oppure metabolici. Non si vergogni della sua dottoressa, la aiuterà a rompere il ghiaccio. Faccia sapere come vanno le cose.
[#2] dopo  


dal 2012
grazie della risp.
Veramente vorrei risolvere la cosa con un altro medico non con la dottoressa di famiglia, perchè oltre al problema dolente dovrei dirle anche delle exdipendenze, del metadone e sarebbero troppe cose che non vorrei che sappia la mia dottoressa di famiglia, cmq vedremo insieme come vanno le cose, magari può aiutarmi qualche suo collegha. ciao
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Allora consulti il nostro indirizzario oppure quello della società italiana di andrologia. Faccia nsapere come vanno le cose. Tenga presente se si vergogna di sostanze che ha assunto che circa il 30% dei giovani assume saltuarioùaùmente o abitudinariamente tali cose. Lei ne è uscfioto. Congratulazioni: sbagliare è umano, correggersi divino. Divce il saggio
[#4] dopo  


dal 2012
scusatemi
non riesco a trovare un andrologo della mutua della mia provincia, qualcuno potrebbe suggerirmi?
Perchè di sicuro dovrò fare tante visite con relativi esami e non posso permettermi uno specialista privato.
Potete anche rispondermi alla mia e-mail, grazie
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egergio signore,
consulti l' indirizzazrio della Società Italiana di Andrologia oppure quello nostro come già detto, ma per accedere al servizio pubblico (mutia) serve la richiesta della sua dottoressa.
[#6] dopo  


dal 2012
x il dott. Cavallini
è vero però dovrebbe solo farmi la ricetta, magari senza dirle il vero motivo, e cmq meglio cosi che di farmi visitare stesso da lei e senza dirle neanche delle mie storie..

ah, volevo chiederle una cosa (se è lecito nel contesto);
nonostante la cura per il reflusso g.e. che sto facendo da 10 giorni, mi continua un dolore al centro dello sterno (propio al centro della vallata) che si irradia leggermente anche dietro la schiena (p.s la dottoressa 7 giorni fa mi ha sentito la schiena (era ok) ma non ha sentito il petto, poi ho anche dei doloretti diffusi alla gabbia toracica e addome.
Sincermente riesco sempre a cogliere la provenienza del mio malessere, ma sta volta oltre alla panoramica totale strana non riesco a capire sto dolore se proviene dai polmoni, dalla bocca dello stomaco o dal cuore, inizio a pensare in qualche malattia maligna, e con tutti sti sintomi mi dovrei ricoverare per trovare la causa.
Può darmi qualke consiglio ben pensato su qual' è la via più corta senza che mi venga la voglia di aspettare per vedere se mi passa tutto.
grazie
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
vorrei in tutta sincerità aiutarla, ma noi guardiamo parti più basse, eventualmente mandi il suo post alla chirurgia generale di questo sito