Utente 959XXX
Dottore buon giorno,
sono un uomo di 48 anni e a novembre mi è successo, verso la fine del servizio,
di provare una fitta al petto come se un punteruolo me lo trapassasse.
Le descrivo il dolore: forte fitta ,iniziata dal centro e nel giro di pochi attimi si propagava in tutto il petto con una sensazione di calore, il dolore era forte e pauroso.
Nel dubbio feci ciò che mio nipote disse un giorno (infermiere rep cardiologia),
tossire, ma servì a poco, la cosa durò una decina di minuti, poi andò regredendo....la paura mi fece anche provare a " digerire" e la cosa mi diede solievo....la sensazione nn va via, la sento ancora oggi con intensità minore, direi lieve....ma paurosa.
Grazie pe l'attenzione
Marcello

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile marcello,il dolore al petto è un po come la febbre,tante cose possono essere ricondotte a questo sintomo,dalle meno gravi alle più problematiche;certamente va presa in considerazione la necessità di fare degli accertamenti in merito a questo dolore,un elettrocardiogramma normale ed eventualmente uno sotto sforzo e una visita cardiologica le permetteranno di capire se possa essere di genesi cardiaca;nel qual caso il cardiologo le dirà quali esami effettuare ed eventualmente che strada terapeutica seguire;se invece il dolore non è di origine cardiaca,si faranno altri accertamenti per capirne l'origine;ma verificare se sia un problema cardiologico è la priorità;vada dal suo medico di famiglia e si faccia prescrivere una visita cardiologica e gli esami suddetti,dopodichè se lo desidera vedremo quale percorso seguire con in mano questi dati;stia comunque tranquillo e si sottoponga serenamente agli accertamenti.
A disposizione per ulteriori chiarimenti
Cordialmente
dr.annoni Andrea
[#2] dopo  
Utente 959XXX

Iscritto dal 2009
Egregio Dr. Annoni Andrea,
la ringrazio per la risposta celere e cordiale,
anche se mi spaventa una risposta positiva andrò a fare le analisi del caso...non sono cosi pauroso, ma visto la quantità di persone che hanno problemi cardiaci....mi spavento!
Con gli auguri di un buon anno
Marcello