Utente 489XXX
Buonasera,

riporto qui di seguito il risultato di scintigrafia renale sequenziale di mia madre :

[...] In fase angioscintigrafica si rileva un transito del bolo radioattivo regolare a livello del rene di sinistra. Rene destro ipoperfuso.
In fase parenchimale i reni appaiono in sede; normale dal punto di vista morfologico e dimensionale, con cornice parenchimale regolare il sinistro. Rene destro mal valutabile con cornice parenchimale assottigliata.
La stima del filtrato glomerulare calcolata con il metodo di Gates è pari a 91ml/min (v.n. >80) così ripartiti tra i due reni:
rene destro = 35%
rene sinistro = 65%
Il deflusso urinario appare regolare e senza segni di ostacolo bilateralmente.
Dopo minzione spontanea lo svuotamento vescicale risulta sostanzialmente completo.


Potreste, gentilmente, spiegarmi cosa vuol dire tutto ciò e il tipo di gravità, se presente?

Grazie anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
16% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Se il vostro medico ha chiesto questo esame, è perché sospettava già un problema al rene destro; ha avuto infezioni? calcoli? Altrimenti, viene da pensare che la scintigrafia sia indicativa di una stenosi (restringimento) all'arteria del rene destro, ipoperfuso (gli arriva meno sangue) e con parenchima (tessuto renale funzionante) più sottile. La funzionalità che ha ora il rene destro, circa la metà del normale, fa pensare che meriti ancora salvarlo; se è vero che c'è la stenosi, spesso la si può correggere mettendo nell'arteria renale stretta uno stent (una specie di molla che tiene aperto il vaso), come si mette abitualmente nel cuore, nelle coronarie quando si restringono. Però non sempre questa procedura è necessaria o utile; un buon esame ecodoppler dei reni, e la visita di un buon nefrologo sono importanti per decidere come comportarsi nel caso della sua mamma.