Utente 959XXX
Sono una donna di 45 anni, 67 kg. e da 2 anni mi hanno diagnosticato una VASCULITE LIVEDOIDE.
Mi si formano sul lato superiore dei piedi ulcere, attualmente 8, lunghissime da guarire, profonde e doloranti.
Dopo varie esperienze di vari medici (15), decine di esami, creme e gel che mi provocano allergie,
ho fatto una cura di cortisone 35 mg. al giorno, per quasi 2 mesi con risultati catastrofici. Nessun progresso.
Anzi, le ulcere iniziano a formarsi anche sulle gambe.
Qual'e' l'approccio terapeutico e se si puo' guarire o al limite migliorare? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
ORZINUOVI (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
la sia patologia, conosciuta anche come capillarite atrofizzante, è una patologia molto impegnativa.
Una volta esplorate le possibilità di riscontro di una patologia sottostante che possa essere presa in causa (una malattia vascolare, di origine diabetica, etc) rimane comunque spesso da considerare una patologia a se stante, ad origine misteriosa (nonostante vari studi).
Sono state proposte nifedipina, eparina a basso dosaggio,antiaggreganti piastrinici, ac. nicotinico....ma siceramente non vi è un protocollo terapeutico valido ed univoco per tutti.
Faccia capo ai suoi specialisti che nel caso la potranno inviare a centri di maggior specializzazione.
cordialità
[#2] dopo  
Utente 959XXX

Iscritto dal 2009
Egregio Dott. Griselli, La ringrazio per il Suo interessamento e la Sua tempestiva risposta. Effettivamente tutti mi dicono che e' una malattia rara e ancora sconosciuta in termini di cura. Qualcosa l'Aquacel AG sta facendo, molto lentamente ,ma almeno non irrita la pelle circostante. Pazienza e speranza sono le due cose che ancora non mi hanno abbandonato. Distinti saluti e ancora grazie.