Utente 959XXX
Ringrazio anticipatamente tutti coloro che si prenderanno la briga di leggere e rispondere alla mia richiesta di aiuto.
Sono un ragazzo di 23 anni e sono due anni che ho rapporti sessuali completi con la mia ragazza,il mio problema è di eiaculazione precoce e credo che il problema sia legato al frenulo.Vedo di spiegarvi il tutto.

Nel momento di massima erezione il mio glande continua ad essere del tutto ricoperto dal prepuzio(pelle),agendo su di esso il frenulo mi permette di portare questa fino alla base del glande(se non erro sarebbe il solco balano-prepuzionale?).
Durante la prima penetrazione,fino a quando non viene raggiunto un minimo di lubrificazione,l'atto mi risulta abbastanza doloroso perchè il frenulo viene sollecitato non poco,il dolore spesso fa si che il pene perda parte della sua rigidità,ciò non comporta molti problemi nel proseguo dell'atto,visto che comunque mantengo una buona rigidità,ma comunque questo fa si che il pene non sia propriamente al massimo.Questo problema riesco a volte a risolverlo mediante masturbazione della mia partner.

Il secondo problema,che credo sia anche alla base della mia eiaculazione precoce,è che durante l'atto,a causa credo del frenulo troppo corto,il prepuzio che ricopre il glande non rimane fermo alla base di questo,ma segue in pratica il movimento dell'atto coprendolo e scoprendolo.
Praticamente durante il sesso è come se contemporaneamente ad esso avvenga la masturbazione,il che credo sia decisivo per il mio problema.

Sinceramente per quanto riguarda il sesso sapevo o mi aspettavo la rottura del frenulo durante i primi atti,mi sono inforormato ed ho scoperto che non è così.Ho "studiato" anche mediante film hard e noto sempre come il prepuzio nel momento di massima erezione,e prima dell'atto,venga come a distribuirsi sul pene lasciando sempre completamente libero il glande e la sua base,come se non fosse mai esistito precedentemente nulla a ricoprirlo.
A me invece la pelle si "avvolge" alla base(come quando ci si tirano su le maniche in pratica)causandomi poi i problemi appena citati(dolore e successiva eiaculazione precoce).

Scusate se sono stato prolisso ma il problema è abbastanza noioso e volevo essere più chiaro possibile.
Grazie davvero

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

quello che lei definisce "secondo problema" costituisce di fatto una normale dinamica di coito in soggetti non circoncisi.
Non è assolutamente detto che il glande si debba scoprire da solo alla massima erezione.
Ciò detto il dolore che ci descrive, associato all'eiaculazione che lei avverte come precoce, potrebbero essere infatti sintomo di brevità del frenulo (che si può o meno lacerare ai primii rapporti, non c'è una regola).
Consulti un urologo/androligo, che possa valutare direttamente la sua situazione, e consigliarla di conseguenza.