Utente 960XXX
buon giorno, sono molto preoccupata, sono una ragazza di 18 anni(non fumo, non bevo, non sono in sovrappeso) sono stata operata 10 anni e mezzo fa al cuore. verso novembre ho avuto due giorni fenomeni di tachicardia(non so se era tachicardia o altro) 3-4 al giorno, sono andata al prontosoccorso e mi hanno consigliato holter, ma il cardiologo mi ha detto che non derivava dall'operazione che avevo fatto.fatto ecg holter l'esito non rilevava alcun sintomo da segnalare. ho fatto la regolare visita dal mio cardiologo mi ha detto che ciò poteva essere dovuto a la cicatrice interna a cuore. mi ha prescritto un altro ecg holter e da questo è risultato che ho avuto rare extrasistoli ventricolari,quando ho ritirano l'esame mi han detto che può essere dovuto allo stress. riporto i dati:
veb 70
big 6
più lunga 4 battiti(20:50)
fc max 160 (20:50)
vorrei sapere se tutto ciò è grave? io sono una persona che si agita subito e vorrei sapere che ne pensate, dato che la prossima visita col cardiologo c'è l'ho tra un mese. grazie anticipatamente.
cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, può stare tranquilla in quanto un isolato episodio di tachicardia, associato poi all'esame Holter da lei riferito (con ridotto numero di extrasistoli) non conferiscono segni di eccessiva preoccupazione. Saluti
[#2] dopo  
Utente 960XXX

Iscritto dal 2009
scusi, se la disturbo ancora, allora ciò non è dovuto, come all'inizio aveva sospettato il mio cardiologo, a una cicatrice interna al cuore dovuto all'operazione effettuata 10 anni fa?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, dovrebbe gentilmente dirmi che tipo di operazione si è sottoposta. Come regola generale, se è stata sottoposta ad un intervento cardiochirurgico che ha modificato l'anatomia del suo cuore può andare incontro nella sua vita a problemi aritmici, ma ciò non significa necessariamente che ogni forma di battito anomalo o crisi di tachicardia (molto comuni nella popolazione giovane) sia ricollegabile al pregresso intervento. Fatto sta, come le dicevo, che i risultati del suo Holter, fortunatamente, non evidenziano particolari turbe aritmiche.
Cordialmente,