Registrati | Recupera password
0/0

Morbo di crohn e analisi di laboratorio

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2005

    Morbo di crohn e analisi di laboratorio

    Gentili dottori,
    sto facendo tutti gli accertamenti necessari per scoprire la causa dei miei frequenti mal di pancia e feci irregolari (segno di un accelerato transito intestinale).
    Il dottore ha iniziato le ricerche con gli esami del sangue: ne ho fatte tantissime (anticorpi specifici, anti nucleo, anti mitocondrio, ANA, ANCA, ASCA, la ricerca della calprotectina fecale + esami di routine).
    Allora, gli anticorpi sono tutti negativi, anche ANCA.
    ASCA è positivo ma i valori sono al di sotto dei valori massimi di riferimento.
    La calprotectina è 6,70 (il risultato normale dovrebbe essere minore a 50).
    La mia VES è intorno a 20 e la PCR è 5,50.
    Il dottore mi ha molto tranquillizzato dicendomi, comunque, che mi sottoporrà a colonscopia in sedazione profonda.
    Vorrei sapere la Vostra autorevole opinione sui risultati delle mie analisi del sangue.
    Posso stare un pò tranquillo in attesa della colonscopia?
    Grazie e porgo l'occasione per augurarvi Buona Pasqua.



  2. #2
    professionista non più iscritto (id: 10161)
    Non è facile stabilire con esattezza la diagnosi fra Chron e Colite Ulcerosa, ambedue fanno parte della malattia infiammatoria intestinale, in cui è compresa anche la celiachia. Tutte queste sono malattie autoimmuni, quindi va cercato come mai il sistema immunitario ad un certo punto ha sbagliato, producendo anticorpi anti..... Il meccanismo immunologico interessato è il mimetismo molecolare, scatenato da un agente patogeno esterno, che confrontato con l’HLA antigene umano linfocitario, ha prodotto la patologia autoimmune. Verso questo vanno rivolte le ricerche, chiaramente l’alterazione degli ANCA, ANA, ASCA, PCR, VES, sono implicate in molte di queste patologie autoimmuni. Pertanto va cercato l’agente esterno che ha scatenato la risposta, per poter instaurare una terapia adeguata. Sono importanti anche questi esami:Tipizzazione HLA classe I e II. Con espressione genica e corrispondenze sierologiche. Tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni:CD3, CD4, CD5, CD8, CD19, CD20, CD16/56, CD23, CD25,
    anticorpi sierici anti tireoglobulina
    anticorpi sierici anti microsoma tiroideo (TPO)Tireoglobulinaanticorpi sierici anti recettore TSH (anti TRAK)
    FT3, FT4, TSH
    · ANTICORPI ANTI-CHLAMYDIA PNEUMONIAE lgG e lgM
    · ANTICORPI ANTI-CHLAMYDIA TRACHOMATIS ]gG e lgA ANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS lgG e lgM
    · ANTICORPI ANTI-EPSTEIN BARR (EBNA-IgG, EBNA-IGM, VCA-IGG, VCA-IGM, EA-IGG, EA-IGM)
    · ANTICORPI ANTI-HELICOBACTER PYLORI lgG e lgA
    · ANTICORPI ANTI-KLEBSIELLA PNEUMONIAE lgG e lgM
    · ANTICORPI ANTI-MICOPLASMA PNEUMONIAE lgG e lgM
    · ANTICORPI ANTI-MYCOBACTERIUM TUBERCULOSIS
    · ANTICORPI ANTI-STREPTOCHINASI
    · ANTCORPI ANTI-GANGLIOSIDI GM1 IgG e lgMGD1b IgG e IgMGQ1b IgG e IgMsulfatidianti-MAG
    Per la celiachia, che va considerata, bisogna considerare che la diagnosi di celiachia si basa su molti dati clinici e di laboratorio. Nei dati di laboratorio gli anticorpi antiendomisio, transglutaminasi, gliadina, sono probanti ma se negativi, non escludono la diagnosi; l’espressione genica HLA classe I e II, se dimostra gli alleli DQ2-DQ8, è probante, ma in letteratura, vengono riportati anche la sola presenza del DQ, e altri alleli, pertanto in ogni caso va sempre studiato confrontando i dati della letteratura. Per la probabile associazione con altre patologie di natura anche autoimmune, è sempre bene valutare l’HLA completo. La gastroscopia con esame bioptico, è probante nel caso di positività, ma la sola colorazione ematossilina eosina, non può dimostrare la presenza dei linfociti intraepiteliali, che sono una dimostrazione certa, pertanto va eseguito il preparato congelato. La diagnosi di celiachia è molto complessa e tutti i dati anamnestici, clinici, di laboratorio vanno analizzati, anche confrontandoli con la bibliografia internazionale.Come vede, non è così semplice, ma sommando tutto ed eseguendo anche esami strumentali di medicina quantica e biologica, si può arrivare più facilmente ad una diagnosi ed una terapia adeguata.
    Saluti


Discussioni Simili

  1. Anche per tre giorni di seguito con mal di stomaco
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14/05/2006, 23:01
  2. Sintomi strani
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02/06/2006, 16:12
  3. Sintomi del morbo di chron
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10/02/2006, 11:27
  4. Una pulce questa dottoressa me l'ha messa parlando
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27/07/2006, 11:32
  5. Pillola e morbo di crohn
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25/08/2006, 11:16
ultima modifica:  16/07/2014 - 0,06        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896