Utente 467XXX
Salve volevo un parere, nel 2017 ho denunciato un uomo per stalking, nel 2018 è cominciato il processo, quando dovevo testimoniare il mio avvocato, il giorno dell udienza, mi chiama in privato e mi dice che lui si è pentito e mi offre qualsiasi somma di denaro per ritirare la denuncia, avevo 2 minuti per decidere e ho accettato perchè l'avvocato mi ha detto che era la cosa migliore. l'udienza è stata rimandata al mese dopo per mettere per iscritto il ritiro, così quel giorno sono andata un'ora prima per fare l accordo tra le parti, lo stalker è arrivato tutto spavaldo e ha detto che lui non mi aveva fatto nulla, i due avvocati mi davano contro dicendo di firmare, poi lo stalker prende l assegno e mi dice queste parole: prendi questi soldi basta che la finisci! a quel punto non ci ho visto più e mi sono messa ad urlare ripetendo avanti gli avvocati tutto quello che mi aveva fatto,poi è arrivato il giudice e io non volevo più ritirare ma gli avvocati continuavano a ripetere che dovevo ritirare e così quasi in lacrime ho firmato e ritirato ma improvvisamente, quando stavamo andando via, il PM ha fatto notare al giudice che la querela era irrevocabile e così è stato annullato tutto e mi hanno fatto testimoniare e quindi il processo va avanti, solo che il mio avvocato mi ha detto che ho esagerato, che ho fatto una figuraccia ad alzare la voce e che è tutta colpa mia se non è stata ritirata poichè si sono accorti che non ero convinta, ma io non so mentire come facevo a fingere di essere sicura di volerla ritirare dopo quello che mi aveva detto? lui non era pentito anzi! a me questa cosa mi fa una rabbia, inoltre l avvocato mi ha detto che ho perso i soldi perchè anche se viene condannato lui non ha proprietà a nome suo quindi non mi darà nulla, ma io i suoi soldi non li voglio, non ho fatto una denuncia per avere i suoi soldi ma per poter vivere senza paura, sto impazzendo, ho paura che sia stata davvero colpa mia, ho fatto un casino, avrei dovuto firmare e fare finta di nulla e a quest'ora, forse, sarebbe tutto finito, è che poi penso anche alle ragazze che in futuro soffriranno quello che ho sofferto io a causa sua, perchè ho conosciuto già 3 ragazze che sono state vittime di questa persona e per paura non hanno denunciato. io l ho denunciato sia per me ma anche perchè ho pensato che avrei salvato altre ragazze, perchè se una di queste 3 ragazze avesse avuto la forza di denunciare forse io non avrei sofferto tutto questo e quindi ritirando ne sarebbe uscito pulito inoltre essendo benestante poteva rifarlo all'infinito, per questo all'udienza sono esplosa e me ne vergogno, ci sono momenti che penso al suicidio perchè questa storia mi sta togliendo tutte le forze ma non gliela voglio dare vinta per questo sto pensando di rivolgermi ad un centro antiviolenza ma ho paura e quindi prima di prendere una decisione ho voluto scrivere qui, che ne pensate? avrei dovuto far finta di nulla e firmare?mi sento in colpa non so come uscirne, grazie cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile ragazza,

noi siamo psicologi e non esperti di giurisprudenza, nè avvocati o magistrati, quindi possiamo dare una consulenza on line ma di tipo psicologico.

Questo per premettere che non so quale strategia avessero in mente gli avvocati, ma dal mio punto di vista non è tanto importante se firma, se ritira la denuncia, ecc... quanto in prima battuta diventare consapevole di quanto ti è accaduto.

L'idea di rivolgerti ad un centro antiviolenza è ottima ed è qui che potrai maturare la consapevolezza che serve per poter stare bene. Poi, se si giunge alla denuncia, questo è uno step senz'altro importante, ma è corretto che sia l'avvocato ad occuparsene.

In un centro antiviolenza potrai anche discutere questi aspetti in quanto non c'è solo la consulenza psicologica, ma anche quella legale.

Cordiali saluti,
[#2] dopo  
467773

dal 2018
Si infatti ci avevo pensato perchè una ragazza mi ha raccontato di essersi rivolta ad uno di questi centri e di aver ottenuto un grande aiuto, il fatto è che ho paura perchè avevo chiesto un consiglio al maresciallo che ha seguito il mio caso e il mio avvocato l'ha scoperto il giorno prima dell'udienza e così mi disse che avrei dovuto pagarlo e cambiare avvocato perchè il fatto di aver chiesto un altro parere significava che non mi fidavo di lui e quel giorno ho davvero pensato al suicidio, mancava un giorno all'udienza e io non avevo un avvocato, ero disperata, per fortuna che chiedendo scusa per quello che avevo fatto l'avvocato mi ha capito e tutto si è risolto però il pensiero che possa succedere di nuovo mi terrorizza, lei pensa che posso essere sicura che se mi rivolgo a uno di questi centri non lo viene a sapere il mio avvocato?
[#3] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile ragazza,

io non conosco il codice deontologico degli avvocati e non posso entrare in merito delle considerazioni fatte dal tuo avvocato. Però -da psicologa- ritengo che tu debba occuparti del tuo benessere, della tua salute.

Se vuoi rivolgerti al centro antiviolenza per avere un altro avvocato, è un conto ma io non saprei come aiutarti.

Se, invece, desideri contattare un centro antiviolenza per comprendere meglio quanto accaduto e saper affrontare con serenità il futuro, imparando a difenderti da certe situazioni, allora lo psicologo fa al caso tuo.

Mi sembri, però, più preoccupata della situazione che si è creata con l'avvocato. E' così?
[#4] dopo  
467773

dal 2018
il fatto è che oltre alla paura che se viene condannato mi possa far del male ho il timore che lui abbia corrotto il mio avvocato per farmi ritirare perchè altrimenti non mi spiego come mai mi ha mentito dicendomi che lui era pentito, bastava dirmi la verità che era meglio ritirare così non avrei subito ritorsioni e che non si era pentito e io almeno non mi sarei alterata e quindi ora ho paura che non si impegnerà a mio favore per difendermi, inoltre non posso cambiare avvocato perchè ho il patrocinio gratuito quindi paga lo stato e per quanto riguarda il centro antiviolenza la mia paura è che alla fine dico tutto quello che penso sul mio avvocato e mentre qui è anonimo, se lo dico li ho paura che possa succedere un casino e che lo venga a sapere e quindi si sono in un bel casino e non so proprio come uscirne viva da questa situazione che si è venuta a creare, se lo avessi saputo un anno fa non avrei mai denunciato anche se pensandoci non ho avuto alternative, almeno con le misure cautelari si è fermato, non lo so...
[#5] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile ragazza,

spero proprio che non sia così, perchè altrimenti dovrebbe senz'altro cambiare avvocato!!! La fiducia sta alla base in una rapporto professionale.
Ma ripeto che non potrei entrare nel merito della questione.
Ribadisco invece che il centro antiviolenza è utile per lavorare a livello psicologico e comunque nei centri antiviolenza è possibile anche dare o solo il nome o un nome che non è il tuo, proprio a tutela delle vittime. La vittima è assolutamente tutelata, nessuno andrà a parlare con nessuno, non capisco perchè questo infondato timore.
Se l'avvocato ti ha suggerito di accordarti, devi chiedere a lui quali sono le ragioni di questa strategia.
Spesso, anzichè fare una causa, che ha costi e tempi dilatati, conviene accordarsi, ma ripeto che non è certo il mio lavoro quello e quindi non ho nessuna competenza a riguardo.
Ti vorrei, invece, rassicurare sul centro antiviolenza.

Cordiali saluti,
[#6] dopo  
467773

dal 2018
Buonasera le volevo dire che ho seguito il suo consiglio e oggi sono stata ad un centro antiviolenza, mi hanno consigliato di cambiare avvocato, non so se devo fidarmi ma di qualcuno devo fidarmi e del mio avvocato non mi fido più, quindi lunedì farò la revoca al mio avvocato e mi farò seguire da un avvocato del centro, sono un po' agitata perchè quando lo saprà credo che mi insulterà e me ne dirà di tutti i colori ma devo prepararmi al peggio e cercare di essere forte anche questa volta, al centro sono stati molto gentili e mi hanno ascoltata, spero davvero che almeno loro mi aiuteranno perchè fino ad ora sono stata tradita da tutti quelli che mi dicevano di denunciare. grazie per il consiglio, cordiali saluti.