Utente 964XXX
Salve, il mio nome è Vincenzo e ho 42 anni, vi scrivo per sottoporre alla vostra attenzione l'esame del liquido seminale eseguito cicra una settimane faà. Faccio presente che nel 1995 sono stato operato di varicocele.

Volume 2.8 ml
Tempo di liquefazione 20 min
pH 8.5
Viscosità Normale
Conc. Spermatozoi 126 x 10^6/ml
N.Tot. Spermatozoi 352.800.000

Motilità (<'60) rapidamente progressiva rettilinea (a) 9%
Progressiva rettilinea (b) 52%
In situ (c) 13%
Immobili (d) 26%
Vitalità 90%
Morfologia 3% norm.
(Kruger Strict Criteria)
Leucociti 0.25 x 10^6/ml
Screening anticorpi antispermatozoo (IgG)
MAR test 25%
Prova di trattamento per ART Sp. Recuperati 57 x 10^6/ml
Motilità (a)+(b) 95%

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,i parametri relativi allo spermiogramma esibito dimostrano una astenospermia (ridotta motilita' degli spermatozoi) ed una severa riduzione delle forme morfologicamente normali,in presenza di un elevato numero di spermatozoi.Bisogna considerare che ,come aspirante padre,la Sua eta' e' abbastanza avanzata ed,inoltre,va ricordato che lo spermmiogramma fornisce unicamente un ptenziale statistico di fertilita' che va correlato con le condizioni della moglie,col tempo da cui si cerca un bimbo e dalle risultanze della visita andrologica,di cui non ci ha fatto cenno...Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 964XXX

Iscritto dal 2009
Si può migliorare la motilità, mia noglie ha 30 anni e siamo sposati da 18 mesi.
La ringrazio
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...si puo' migliorare se l'andrologo di riferimento ha posto una diagnosi precisa.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 964XXX

Iscritto dal 2009
Quanto incide sulla possibilità di avere un bambino e cosa comporta una riduzione delle forme morfologicamente normali? Da cosa potrebbe dipendere? Cosa potrebbe riscontrare l'andrologo per dedurre la possibilità d un miglioramento delle condizioni? Inoltre ci sarebbe l'opportunità di una fecondazione assistita, visto che dagli esami di mia moglie è risultato tutto regolare?
Distinti saluti.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non corra troppo,non precipiti la situazione e si faccia guidare da un esperto andrologo.La percentuale di forme anomale,e la concomitante e/o conseguente ipomotilità degli spermatozoi,possono essere un ostacolo alla gravidanza,ma non assoluto.La diagnosi andrologica ben difficilmente passa per il solo spermiogramma. Cordialità.
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

come le ha già sottolineato il dottor Izzo, il suo desiderio di diventare padre dovrebbe concretizzarsi in:
1. ripetizione dello spermiogramma per vedere se i dati patologici vengano confermati o smentiti
2. efettuazione di una spermiocoltura con antibiogramma per vedere se siano presenti infezioni
3.visita dallo specialista che possa raccogliere la sua storia clinica, visitarla , interpretare le risposte delle analisi e consigliarle come eventualmente trattare i problemi evidenziati
4. nel contempo una visita ginecologica per sua moglie
cari saluti
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

come già anticipato dai colleghi che mi hanno preceduto,
in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta , cioè capire la causa del problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare a livello diagnostico e terapeutico .

Bisogna, a questo punto, consultare un esperto andrologo.

Se desidera comunque avere più informazioni su questi temi potrebbe essere utile leggere il manuale, scritto dalla dra Elisabetta Chelo, "Quando i figli non arrivano", CIC edizioni internazionali, Roma, oppure il bel libro di Pier Luigi Righetti e Serena Luisi "La procreazione assistita" Bollati Boringhieri editore srl, Torino.

Un altro consiglio infine, se vuole confrontarsi e conoscere altre situazioni o coppie con un problema a riprodursi, è quello di consultare il forum sull'Infertilità a www.madreprovetta.org , sito ufficiale dell’Associazione onlus “Madre Provetta”.

Auguri ed ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com