Utente 497XXX
Mi sono mollata da qualche anno con il mio ragazzo,dopo anni di relazione. Durante la relazione in cui abbiamo anche convissuto ci sono stati dei periodi no,e periodi bellissimi, riusciva a sorprendermi con poco...ma anche a farmi incazzare con la stessa facilità,mi ha incasinato in alcune cose (fregandosene)...alcuni suoi comportamenti mi facevano stare male ma ad oggi il mio cervello si rifiuta di ricordare i momenti brutti nonostante all'epoca mi facessero soffrire , eravamo sempre insieme a parte le ore di lavoro...una relazione vissuta a pieno, ovunque andassi lui c'era...ci siamo mollati e ripresi più volte, con la speranza che fosse diverso ma ogni volta inizialmente sembrava tutto come risolto poi sempre peggio e in più aveva la rabbia per la rottura precedente. Abbiamo lasciato la casa e la maggior parte delle cose nonostante fossero mie o prese in comune se l'è tenute lui e le utilizza nella casa attuale dove convive.Ora lui ha un altra relazione ma la cosa che mi fà più stranezza e il fatto che abbia avuto un figlio da quest'altra compagna dopo pochissimo tempo che stanno insieme. Noi stavamo insieme da 7 anni e anche con me voleva un figlio solo che essendo io troppo giovane all epoca abbiamo sempre rimandato (x scelta mia). Ora sto pensiero mi tormenta, se mi fossi fatta andare bene delle cose, se fossi stata zitta se avessi fatto meno errori se entrambi ci fossimo venuti incontro. Ma ormai è andata cosi quindi amen...ora ha un figlio ma voglio sapere come posso eliminare questo pensiero dalla testa? Perché ora mi rimbomba nella tempia? Perché molte cose che guardo mi ricordano lui? Perché il mio cervello mi ricorda solo le cose belle dei primi anni e nn mi ricorda come venivo trattata negli ultimi anni in cui lui era sempre nervoso con me?Vorrei riuscire ad accantonare una volta per tutte questo pensiero
[#1] dopo  
Dr. Armando De Vincentiis
52% attività
16% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
deve "semplicemente" elaborare la separazione poichè, da quello che dice, non è stato fatto per nulla.
(..)se mi fossi fatta andare bene delle cose, se fossi stata zitta se avessi fatto meno errori se entrambi ci fossimo (..)
è proprio il tentare di risolvere questi quesiti che le mantiene in vita il problema. Più cerca di comprendere come sarebbe andata più alimenta le sue ossessioni.
Smetta di cercare risposte. Un aiuto specialistico potrebbe esserle di aiuto.
saluti