Utente 131XXX
Gentili dott.sono trascorsi 3 mesi da quando mi sono sottoposta ad un intervento per l'asportazione di 2 lipomi in prossimità delle caviglie.Purtroppo da allora nonostante abbia portato per ben 2 mesi le calze elastiche ed effettuato dei massaggi,ho un senso di pesantezza e gonfiore alle caviglie cosa che prima non si era mai verificato.Vi informo che i lipomi sono stati asportati con la tecnica della liposuzione.Cosa fare per eliminare questo senso di pesantezza e per eliminare il gonfiore che ancora oggi se pur lieve persiste in entrambe le caviglie?Anticipatamente Vi ringrazio.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Mi risulta alquanto strano che dei lipomi siano stati asportati con la liposuzione; forse si trattava di adiposità localizzata. E' comunque necessario che si sottoponga a visita presso un Flebologo-Chirurgo Vascolare ed ev. ecocolordoppler degli arti inferiori. E' infine necessaria una valutazione del suo sistema linfatico.
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Cara utente.
Le lesioni lipomatose, che pur tuttavia sono delle formazioni tumorali benigne (salvo rari casi di altre lesioni similari come leiomiomi, fiboliposarcomi, liposarcomi etc.) possono essere accompagnate (nelle porzioni molto profonde, ma più superficialmente nelle zone con poco tessuto come le caviglie ad esempio) da un sistema di microdotti chiamato "Sistema linfatico" che è molto simile a quello vascolare. A differenza di quest'ultimo però, il linfatico possiede molti meno condotti (specialmente nelle acrosedi ovvero le terminazioni di gambe, braccia etc) pertanto se taluni di questi vengono intaccati, inesorabilmente, la linfa non riesce a defluire correttamente e l'accumulo di questa può condurre a sintomi come quelli che descrive.
In altri casi invece e più classicamente, per fortuna, l'asportazione di tessuto, come quello adiposo necessita di un periodo di riparazione più o meno lungo per ristabilire un trofismo ed una rimodellamento. e' buona norma adottare delle terapie fisioterapiche e posturali per aiutare questa situazione.
Cari Saluti.
Dott. Luigi Laino
Dermatologo e Venereologo, Roma
[#3] dopo  
Dr. Claudio Bernardi
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
Gentile giovane,
se la liposuzione è stata eseguita esclusivamente per asportare i lipomi in effeti il perdurare dell'edema è un pò strano. In caso di liposuzione delle caviglie a 360° gradi, potrebbe ancora esserci dell'edema residuo. Il linfodreaggio, specie se manuale, aiutaa risolvere più rapidamente l'edema.
distinti saluti
Dott. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
http://www.claudiobernardi.it
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Liardo
28% attività
0% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
Egr. sig.ra,
sarebbe opportuno sapere se ha eseguito solamente una lipoaspirazione di lipomi od aver associato anche una lipoaspirazione a 360° gradi delle caviglie. Questo, concordando col collega Bernardi, spiegherebbe la persistenza dell'edema. La liposuzione per le adiposità localizzate e/o per i lipomi è una metodica usata da noi chirurghi plastici allo scopo di evitare cicatrici esteticamente sgradevoli. L'effetto che Lei abbia ancora la sensazione di pesantezza, malgrado l'impiego delle calze elastiche non prescinde (come credo Le abbia consigiato il suo chirurgo) un adeguato massaggio linfodrenante, allo scopo di facilitare l'eliminazione dell'edema. Ritengo comunque che il suo speciaista conosca il suo caso, pertanto potrebbe con Lui individuare la migliore soluzione al problema.
Cordiali saluti
dr. Giuseppe Liardo
[#5] dopo  
Dr. Danilo De Gregorio
24% attività
8% attualità
12% socialità
PERUGIA (PG)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2005
Mi sembra strano che le abbiano proposto l'aspotazione di llipomi con la lipoaspirazione,anche per il rischio di recidive(non potendo eliminare tutte le cellule della neoplasia benigna del tessuto adiposo).In ogni caso il disturbo che riferisce potrebbe essere a carico del circolo venoso e linfatico profondo,faccia un visita flebologica con doppler degli atri inferiori onde giudicare la continenza venosa e linfatica.

La saluto cordialmente.
Dr.Danilo De Gregorio