Utente 716XXX
buongiorno sono una ragazza di 27 anni che un mesetto fa ha sofferto di
stitichezza..tale sintomo con lo sforzo per una evacuazione ha comporto per un breve periodo all'emorroidi...curate con corretta alimentazione e preparazione H..dato che continuavo comunque ad avere delle evacuazioni molto "DURE"..ciò un giorno ha comportato la fuoriuscita di sangue nelle feci e sulla carta
igienica...ho continuato ad usare la preparazione H..ma invano avverto bruciore ..e dolore fastidiosissimo..DA PREMETTERE PER UNA TERAPIA IMMUNOSOPPRESSIVA PRENDO DA QUASI UN ANNO CARDIOASPIRINA E DELTACORTENE IN PICCOLE DOSI (5ml)..
per questo ho dovuto sospendere tutto detto dal mio dott curante..e ho iniziato a prendere da una settimana daflon primi 3gg (4pastiglie al dì)e per i gg restanti 2 pastiglie al dì..accompagnato da un'altra crema "ruscoroid"..la quale non può essere somministrata per lungo periodo..il risultato? niente sto ancora come in partenza...e sono abbastanza stanca.adesso le chiedo cosa mi resta da fare? devo passare all'intervento chirurgico? mi dia una risposta..ho davvero bisogno di una soluzione immediata..sono fastidiosissimi..la ringrazio già in partenza...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora
credo che il passo successivo sia quello di valutare con il suo medico l'opportunità di una visita specialistica coloproctologica per una valutazione più completa e diretta del suo caso. Solo dopo la visita infatti si potrà stabilire l'esatta entita della sua patologia (ragade, emorroidi di I, II, III grado) ed il trattamento più idoneo, medico o chirurgico che sia.
In attesa di ulteriori sue notizie lele porgo

cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
caro dottore
sono andata da un chirurgo in quanto qui a Lecce non vi è alcun proctologo...la informo che la diagnosi è stata di Ragade anale sclerotica..da operare...
Ora mi sono fatta spiegare più o meno in cosa consiste l'operazione..Il dott mi informa che bisogna sezionare la parte dove appunto è presente la ferita..ho un pò paura per eventuale incontinenza..o dolore subito dopo l'intervento nell'evacuazioni successive.mi può spiegare Lei cosa mi faranno e in cosa andrò incontro dopo l'intervento? e sopratutto se l'intervento sarà in day hospital?...
La ringrazio per la sua disponibilità attendo informazioni..
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora
la ragade anale è in estrema semplificazione sua ferita che tende ad indurire i propri margini. Il passaggio delle feci con dilatazione dello sfintere fa si che la ferita tenda continuamente a riaprirsi e a cronicizzarsi. L'intervento conciste nel rimuovere i margini sclerotici della ragade per permettere la guarigione. L'asportazione dei tessuti si etende fino ad evidenziare lo sfintere. In presenza di un ipertono sfinteriale si può effettuare una divulsione o una sezione controllata di alcune fibre.
Il decorso post-operatorio non è particolarmente doloroso ma sicuramente un po' fastidioso per il passaggio delle feci. Per tale motivo si consiglia una dieta leggera e ricca di liquidi per cercare di mantenere le feci morbide. Per il resto è un intervento che può essere effettuato in Day Surgery, con ricovero giornaliero e controlli successivi ambulatoriali.
Cerchi solo di essere tranquilla poichè è un disturbo che, fortunatamente, si può affrontare e risolvere chirurgicamente.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la sua pronta risposta...
Diciamo che queste informazioni mi hanno dato tranquillità..
La ringrazio ancora per la sua disponibilità
[#5] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
caro dottore
sono di nuovo io ragazza un pò disperata..sono qui ad informarla che sono andata da un altro chirurgo..l'ultima diagnosi accertata da quest'ultimo è nodulo emorroidale..che uscendo fuori mi ha comportato tale uscita di sangue...lui consiglia di operarla così tolgo completamente il pensiero per sempre...
Le comunico inoltre che il giorno dopo quest'ultima visita io non ho più alcuna perdita di sangue..vado in bagno regolarmente...
Ora io le chiedo....
E' il caso che mi operi lo stesso..se e si voglio sapere nei minimi particolari a cosa vado incontro subito dopo l'operazione se potrò svolgere una vita normale..e alimentarmi solo di lassativi di ridotte dosi..per un pò di tempo o c'è qualcos'altro che io non sò?
LE Chiedo questo perchè un pò di tempo fa sono stata operata ad una cisti sul coccige e praticamente ho svolto una vita normale dopo 1mese e mezzo...in piedi tutto il giorno e a letto una tragedia nel trovare la posizione meno dolorosa...ecco sono stata abbastanza scossa da questa esperienza e non voglio riviverla per niente al mondo..
La prego di aiutarmi a fare tale scelta nel modo più sereno possibile...
La ringrazio ancora e attendo presto vostre notizie
[#6] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Se comprendo bene, attualmente non ha piu' sintomi; in questo caso non è indicato alcun intervento chirurgico. Auguri!
[#7] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
ogni intervento chirurgico presenta dei rischi che meritano di essere corsi se esiste una patologia sintomatica.
Nel suo caso, poichè al momento non presenta più disturbi, eseguire un qualunque intervento chirurgico sulle emorroidi, non trova indicazione assoluta, come già giustamente detto dal dr. Favara.

Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
cari dottori
e' vero non ho più alcun sintomo ogni tanto un lieve bruciore...anche se l'evacuazioni sono normali..
ma siccome è un nodulo emorroidale atrofizzato..almeno è questo che hanno scritto come diagnosi il mio dott curante mi ha detto che non è un urgenza ma prima o poi si deve operare...
ora ripeto a dire che son abbastanza confusa dopo le vostre ultime notizie...
Lo so che alla fine la decisione spetta a me...ma così la scelta non riuscirò mai a farla..perchè sento campane una incontraddizione dell'altra...
Vi chiedo ma aspettare potrebbere comportare grossi problemi dopo?Nel senso l'intervento dopo sara' più dolorosa se la cosa peggiora'?
Vi chiedo scusa per la mia insistenza ma sono abbastanza confusa..
Aspetto notizie
[#9] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora
il mondo è bello perchè è vario ! Ogni medico ha quindi la possibilità di rispondere in base alle proprie esperienze ma soprattutto ... in base a quello che vede ! A noi purtroppo quest'ultima possibilità via internet è preclusa per cui rispondiamo in generale, ma il nostro parere non può sostituire una visita medica diretta cui costantemente rimandiamo ("...Solo dopo la visita infatti si potrà stabilire l'esatta entita della sua patologia..." #1 - scritto venerdì 16 gennaio 2009 - ore: 12.39.46).
Quindi le nostre risposte non devono indurla nel dubbio poichè a lei è stato proposto un trattamento dopo una visita mentre noi parliamo in generale. Un nodulo emorroidario se asintomatico e non trombizzato non va asportato chirurgicamente.
Se invece il suo medico di fiducia le ha proposto l'intervento chirurgico è perchè ha avuto modo di valutare, nel suo caso, la necessità del trattamento.
Purtroppo nessuno di noi ha la sfera di cristallo per prevedere il futuro ed il suo nodulo potrebbe ridursi, rimanere tale o aumentare.
Non le rimane quindi, a mio modesto giudizio, che valutare con il suo medico curante il da farsi, e poi affidarsi ad un unico medico.

Cordiali saluti
[#10] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
caro dottore
innanzitutto la ringrazio per le sue pronte risposte...
nn so se trombizzato è lo stesso di trofizzato come credo che sia scritto sulla diagnosi del chirurgo dico credo perchè voi medici non avete una buona caligrafia...
comunque il mio dottore curante non mi ha visitato semplicemente si è basato su quello che ha letto degli altri medici..lui mi consiglia di aspettare qualche mese ma non un anno perchè nn può mai sapere come vanno queste cose...comunque sono in lista non credo che mi chiameranno all'istante purtroppo è questa la sanità...
MI sa che scelgo di togliermi questo noduletto adesso..in cuor mio mi sento di fare questa scelta forse per la paura di passare quello che ho passato il mese precedente fino a qualche giorno fa...
Grazie ancora e le farò sapere cme sarà andato l'intervento
[#11] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora
che dire se non che rispetto le scelte sue e del collega che l'ha visitata.

Cordiali saluti
[#12] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
mi permetto di segnalarle un articolo pubblicato su questo sito
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=20620
nella stessa sezione ve ne sono altri altrettanto interessanti.
buona lettura
e auguri
[#13] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
la ringrazio per la segnalazione di quest'articolo molto interessante...il mio nodulo è trombizzato come scritto dai chirurghi consultati..quindi da operare...spero solo che l'intervento venga effettuato come dice l'articolo in modo giusto e che non comporti complicanze...
purtroppo in questi casi bisogna affidarsi solo a voi dottori..quest'articolo da una parte mi ha tranquillizzato dal'altra mi spaventa un pò qualora non venga effettuata correttamente...
[#14] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora
un articolo è sempre e solo indicativo !
Si affidi serenamente al collega che effettuerà l'intervento e vedrà che le sue paure saranno state superiori agli ipotetici disturbi postchirurgici.

Cordiali saluti
[#15] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
era solo per darle ulteriori indicazioni e per farle prendere una decisione in modo più naturale.
tanti auguri e ci faccia sapere
[#16] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
cari dottori
il giorno è arrivato dopodomani mi operano..domani matt mi faranno gli esami...e giovedì matt mi operano..mi faranno l'anestesia totale mi terranno una notte..
Spero che il giorno di san valentino (sabato) potrò uscire per una cenetta..che dite come funziona..sarò subito attiva..o dovrò stare a letto..oddio spero di no..sono pronta per qualche fastidio..(dolore)..tanto per un mese e mezzo ho sofferto..qndi sno pronta a qsto..spero però che nn sarà tale da nn lasciarmi vivere tranquilla dopo l'operazione..è piccolo almeno così hanno detto è al 1°stadio qndi nn dovrebbe comportare grossi problemi vero?...Oddio aiutatemi a sapere tutto in modo tale da sapere perfettamente cosa mi aspetta...attendo pronte risp da voi come sempre..Vi ringrazio in anticipo per questo...
[#17] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora
non vorrei spaventarla ma invitarla a considerare un atto chirurgico sempre e con le dovute cautele.
Il chirurgo conosce la malattia ed il modo per risolverla, ma tra l'inizio dell'intervento e la risoluzione del quadro clinico esistono tante di quelle variabili che impediscono di prevederne l'evoluzione.
Quando vi è una anestesia, una incisione con bisturi, una coagulazione ed una sutura vi è sempre la possibilità che in ognuna di queste sezioni, nell'immediato e/op a distanza di verifichino complicanze. Per trale motivo viene fatto firmare ad ogni paziente un consenso informato in cui sono riportate le tecniche usate ed elencate tutte le complicanze possibili.
Conscia di tutto ciò si affidi con serenità al chirurgo che dovrà operarla, fiduciosa in questa sanità tanto bistrattata che nel suo caso ha già compiuto il suo primo "miracolo" (3/2 scriveva "...comunque sono in lista non credo che mi chiameranno all'istante purtroppo è questa la sanità...")

Cordiali saluti e, se vuole, mai come in questo caso ... ci faccia sapere
[#18] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
salve dottore
oggi mi hanno fatto i dovuti prelievi e accertamenti prima dell'operazione..ho parlato con il mio chirurgo mi son fatto dire passo per passo come sarà l'intervento...essendo un piccolo noduletto lo sezioneranno e mi metteranno un punto...inoltre mi ha tranquillizzato dicendomi che essendo un noduletto appunto non comporterà grossi dolori..ma comunque mi daranno degli antidolorifici..qualora non sopportassi il dolore..
Per quanto riguarda la vita tranquilla che dovrò fare lui mi ha assicurato che non ci sono alcuni problemi..l'unica cosa che la palestra per 15gg almeno me la dovrò dimenticare aimè...
Grazie di tutto..e speriamo che andrà tutto come ha previsto il mio dottore...
[#19] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
in bocca la lupo
[#20] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Sicuramente andrà tutto bene, ... ma ci faccia sapere eh !
[#21] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
salve a tutti grazie di cuore del vostro appoggio..
l'intervento è andato bene...
mi hanno trovato un noduletto emorroidale e una ragade anale..mi hanno tolto tutto..
ho un punto che mi tira..ma questo è normale..dolori sopportabile..l'unico grande dolore e quando vado in bagno il muscolo si contrae anche se prendo uno sciroppo lassativo che mi fa fare le feci molli...il muscolo anche solo per urinare..si contrae non so da cosa dipende cerco di rilassarmi..di controllarlo ma avvolte è difficile..mi hanno dato una crema si chiama luan e getalyn per medicare..diciamo che questa crema riesce a calmarmi un pò...ma HO IL TERRORE DI ANDARE IN BAGNO CREDETIMI..finchè sto lontana dal bagno sto bene..ma quando devo andare quella contrazione mi tira i punti e sento un dolore atroce..non so cosa fare..non è che aveti consigli psicologici per rilassare il muscolo e farlo stare tranquillo..credetimi è l'unico fastidio grande che ho...grazie ancora

[#22] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Purtroppo non esistono consigli psicologici ma solo quello di evitare di pensarci troppo poichè il dolore nel tempo tende a scomparire. Cerchi di rilassarsi e di pensare a quando starà bene senza più problemi e dolori, così riuscirà almeno a sopportare un po' meglio questo periodo transitorio.

Cordiali saluti