Utente 501XXX
Mia figlia di 5 anni deve sottoporsi ad intervento chirurgico per ernia inguinale bilaterale in anestesia totale.
Giorno 19 Giugno 2018 ha eseguito il pre-ricovero con prelievo di sangue e visita con l’anestesista che ha dato l’ok all'intervento che però è stato rinviato perché la bambina ha avuto la febbre

Giorno 26 e 27 Giugno 2018 infatti, la bambina ha per due giorni la febbre per tonsillite, le somministro, dopo visita pediatrica, solo tachipirina per abbassare la temperatura, la febbre scompare e la bambina ritorna a stare bene.

L’intervento viene riprogrammato per giorno 4 Giugno 2018 ma la mattina dell’intervento l’anestesista decide di rimandare l’intervento perché trova la bambina con gola arrossata e sente qualche rumorino nella parte bassa dei bronchi e le prescrive aerosol terapia con 2ml di clenil 2ml di acqua fisiologica e 5 gocce di breva dicendomi di continuare questa terapia fino a quando richiameranno per l’intervento.

I miei dubbi sono: il clenil e il breva posso avere effetti sull'anestesia o in generale posso creare rischi per l’intervento ? Andrebbero sospesi quanto tempo prima dell’intervento?
C’è un tempo minimo di attesa consigliato da far passare tra la febbre e l’intervento di questo tipo?
Sarebbe il caso di ripetere il prelievo di sangue?
Per questo tipo di intervento l'anestesia totale è l'unica soluzione o è possibile qualche alternativa di anestesia locale?

GRAZIE !!!
[#1] dopo  
Dr. Dario Giugni
20% attività
20% attualità
12% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Gentile signora,
quello che descrive succede spesso con i bambini. La terapia prescritta dal collega è adeguata e non ha nessuna interferenza con i farmaci dell'anestesia, per cui la può proseguire secondo lo schema che le hanno indicato.

Il tempo da far passare tra le infezioni respiratorie e l'intervento è un argomento molto dibattuto e non c'è una regola valida per tutte le situazioni e non dovrebbe essere necessario un nuovo prelievo. Se vuole può provare a contattare telefonicamente l'ospedale per comunicare le condizioni cliniche della bambina e sapere se hanno già previsto la data del nuovo intervento.

Per quanto riguarda il tipo di anestesia, purtroppo nei bambini così piccoli l'anestesia generale è spesso l'unica alternativa per la scarsa collaborazione che avrebbero da svegli.

Stia comunque tranquilla, non essendo un intervento urgente può aspettare fino a che non si è ripresa senza pericolo per la sua salute.

Cordiali saluti,