Utente 408XXX
Salve cari medici!Sto da 6 mesi con una ragazza, ci amiamo enormemente, lei ha già avuto esperienze, io no!Fino a questo momento non siamo ancora riusciti ad avere un rapporto, poichè io, poco prima della penetrazione arrivo!La cosa mi sta mandando in tilt a livello psicologico, è una cosa che voglio fortemente ma non so come risolvere il problema!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

ci descrive una situazione di eiaculazione precoce marcata. Sicuramente è una situazione che può trarre giovamento da una valutazione specialistica: nel corso della visita, oltre a capire in dettaglio il suo caso (erano già successi fatti analoghi in precedenti relazioni, come viene gestita la durata dell'erezione in corso di masturbazione, eccetera), si potrà anche vedere se fisicamente tutto è nella norma nell'area genitale.
Si può fare molto, ma il primo passo nel suo caso è una valutazione specialistica; credo che rimandare non aiuterebbe la situazione.
[#2] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2007
Nel ringraziarla per la celere risposta, mi permetto di dire che il mio problema è, per il 90% psicologico essendo, appunto, la mia prima relazione. Altra cosa che tengo a sottolineare e che io e la mia ragazza, facciamo molti preliminari, stimolandoci tanto a vicenda e ciò, forse, dottore, può contribuire a una minore durata?
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
complimenti per la Sua deduzione diagnostica, con la quale mi sento di concordare ...magari al 70%...non avendoLa mai visitata.
Non è frequente incontrare un paziente affetto da eiaculazione precoce che "ammetta", con seria conoscenza di se stesso, che il problema può avere una connotazione psicologica. In genere si cerca e si desidera una causa "organica", ritenuta più facilmente affrontabile e curabile. Ciò nonostante, è appurato che esistono cause organiche di eiaculazione precoce. Ed è per questo che, prima di iniziare un cammino terapeutico psicolsessuologico, io direi che sarebbe meglio sgombrare il campo da questa evenienza consultando uno Specialista andrologo.
Chiaramente, se posso permettermi, al Suo posto non darei molto spazio ai preliminari se troppo prolungati e non interrotti opportunamente.
Mi tenga ancora informato se lo ritiene utile ed opportuno.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema.
Cordialmente
Prof. Giovanni MARTINO
[#4] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio anche lei dott. Martino. Penso sia sinonimi di intelligenza ammettere i propri problemi, senza girarci intorno e, conoscendomi, penso che quello che mi affligge sia di natura psicologica. La prossima volta, in accordo con la mia ragazza, faremo meno preliminari, così da evitare all'atto della penetrazione, in uno stato di eccitazione inferiore, e non al limite, anche questo potrebbe aiutarmi. SOno anche consapevole del fatto, e mi corregga se sbaglio, che una volta passata la prima volta, di problemi non dovrebbero più essercene, liberandomi anche a livello psicologico. Faccio attività sportiva regolare e periodicamente effettuo tutte le analisi ma, tranne qualche sporadico caso in cui ho avuto dei livelli di colesterolo leggermente sopra la media(240), mai nulla, assolutamente. Non so se ciò possa servire. Faccio uso di integratori, quali Neovis Plus, Berocca o Supradyn per la mia attività sportiva, e non so se ciò possa alimentare il mio problema. In attesa di una sua risposta, la saluto affettuosamente e la ringrazio in anticipo.
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
no, nessuna correlazione fra l'assunzione dei farmaci che cita e il problema in questione. Si, è vero. I successi in questo specifico campo aiutano moltissimo e "rompere il ghiaccio" se mi consente questa affermazione...aiuta più di ogni altra cosa. Mi creda è un problema che ha afflitto, affligge ed affliggerà moltissimi uomini. Ciò non toglie che non deve superare un ragionevole limite.
Ancora un affettuoso saluto
Prof. Giovanni MARTINO
[#6] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2007
Nell'augurarle una buona domenica, la ringrazio nuovamente, promettendomi di tenerla aggiornata sulla questione.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Pescatori che mi ha preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
ringrazio Lei ed attendo aggiornamenti.
Ancora un cordiale saluto
Prof. Giovanni MARTINO
[#9] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
:)
sembra che i Suoi problemi stiano trovando una via di soluzione...
Auguri affettuosi
Prof. Giovanni MARTINO