Utente 501XXX
Buongiorno, illustro brevemente la storia clinica della mia famiglia, per avere un quadro più completo della situazione. Dal ramo famigliare paterno mio nonno ha avuto problemi cardiaci, mia nonna ha avuto la sindrome di Guillame-Barrè e mio padre ha avuto la sclerosi multipla. Da ramo famigliare materno mio nonno è venuto improvvisamente a mancare per edema polmonare, scompenso cardiaco ed ictus, mia nonna ha avuto un tumore al pancreas con metastasi al fegato e mia madre soffre di noduli benigni alla tiroide, artrosi ed osteoporosi.
Io ho 27 anni, a 3 anni ho sofferto di anemia emolitica autoimmune, con una ricaduta a 6 anni e soffro di scoliosi (per la quale ho portato il busto ortopedico per 4 anni 24h su 24).
Detto ciò mi sta succedendo questo: circa un mese fa ho avuto un raffreddore, con febbre molto bassa (37-37,2) e tosse. Non ho assunto nessun farmaco e i sintomi sono spariti da soli anche se giornalmente persistono un paio di colpi di tosse e la mattina ho il naso un po' chiuso. 15 giorni fa ho avuto un improvviso calo di zuccheri, non sono svenuta del tutto, mi è presa la nausea, avevo gli arti intorpiditi e sudorazione fredda, ho ingerito dello zucchero ed è passato tutto, un paio di giorni dopo mi è arrivato il ciclo quindi ho pensato fossero i soliti malesseri pre-ciclo. 12 giorni fa sono stata fuori un weekend e da lì ho iniziato a sentire dei dolori nella zona sinistra dell'anca, come un muscolo tirato che mi faceva camminare male, poi nei giorni a seguire ho iniziato a sentire braccio sinistro e gamba sinistra un po' intorpiditi, mi sembra di avere meno forza adesso nel braccio sinistro e a volte ho delle piccole fascicolazioni, che interessano anche la gamba destra.
Faccio una vita molto sedentaria ma da quando sono iniziati i problemi alla gamba vado a camminare tutti i giorni per 7/10 chilometri.
Il mio primo pensiero è che anche io potessi soffrire di sclerosi multipla, e sto sviluppando una certa ansia e tachicardia non appena ci penso.
Per ora ho fatto solo le analisi del sangue che hanno mostrato l'acido urico un po' alto (difatti hanno trovato molte concentrazioni di cristalli urici nelle urine) e il colesterolo a 205 (oltre il massimo di 200).
Sabato ho in programma altre analisi del sangue per verificare i livelli di potassio e magnesio.
Martedì invece mi attende il cardiologo per la visita e l'ECG.
E' il caso che richieda una visita neurologica urgente?
Potrebbe essere sclerosi multipla?
Ringrazio e porgo cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è necessaria una valutazione diretta per potere dare un parere attendibile, visto da qui il Suo timore non sembra concreto, anche perché cammina quotidianamente per diversi chilometri.
Effettui una visita neurologica, senza preoccupazioni però, per obiettivare il problema in quanto le Sue, al momento, sono solo sensazione soggettive.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 501XXX

Iscritto dal 2018
La ringrazio Dott. Ferraloro, capisco che attraverso un PC sia difficile sbilanciarsi in una diagnosi.
Una mia parente mi ha detto che potrebbe anche trattarsi della tiroidite di Hashimoto, lei pensa sia il caso di sentire un endocrinologo o prima è meglio il consulto neurologico?
[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ritengo che sia razionale fare prima un consulto neurologico.

Cordialmente