Utente 973XXX
Buongiorno,
vi scrivo perché sono affetta da varie allergie e ho parecchi dubbi sui farmaci da assumere e su come effettuare gli esami.
Premetto che ho avuto problemi digestivi, intestinali e di altra natura riferibili ad allergie fin da piccola e che non sono mai riuscita a essere seguita in modo serio e competente, e che quindi questi problemi sono stati finora sottovalutati.
Nel 2004 presentavo le IgE totali a 300, mentre le prove allergiche rilevavano allergia a nichel, tinture, acari e forse già graminacee. Dato che queste allergie apparivano lievi, non mi furono dati consigli né tantomeno terapie.
Tra il 2004 e il 2005 ho avuto vari episodi di orticaria, anche forti, e bruciore agli occhi, ma non ho avuto mai terapie adeguate; una sola volta mi sono stati prescritti degli antistaminici per due settimane.
Nel 2007, mentre assumevo dei farmaci e la mia alimentazione era assolutamente inadeguata, ho avuto, assieme all’acne, diverse pustole ai lati del viso, nella zona mascellare, dolorose, credo prive di pus, che si riformavano continuamente, senza rimarginarsi, per 2-3 mesi. Al contempo, si formavano macchie rosse sul torace e piccolissime bollicine sulle spalle. Non ho avuto né indicazioni né terapia, malgrado le IgE totali risultassero molto elevate.
Recentemente mi sono sottoposta a visita allergologica, ma ho eseguito le prove allergiche mentre prendevo antistaminici e gli esami hanno rilevato solo allergia agli acari, con IgE nella norma. L’allergologo dice che secondo lui sono certamente allergica al glutine, ma gli esami del sangue non lo rilevano, comprese le transglutaminasi. Ora sto assumendo glutine per sottopormi, tra circa un mese, a biopsia duodenale. Mi hanno parlato di ricerca del glutine mediante esame DNA. Questo esame chiarirebbe definitivamente la situazione?
Per quanto riguarda gli esami del sangue, per sapere finalmente a cosa esattamente sono allergica, immagino che l’antistaminico abbia influito sull’esito dell’esame: può aver influito al punto da renderlo negativo?
Contemporaneamente, prima di ripetere gli esami, devo assumere anche alimenti contenenti glutine e nichel?
L’episodio del 2007 può essere stato un’intossicazione o allergia ai due farmaci che all’epoca assumevo, (Rivotril per epilessia e Laroxyl per emicrania) che prendevo già da un anno?
Devo assolutamente evitare, in caso di emicrania, di assumere Laroxyl?
Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
L'antistaminico puo' attenuare i test cutanei ma non influenza ne' le IgE nel siero, ne' gli autoanticorpi IgA-IgG (ant TGT, anti endomisio e anti gliadina) ne' la biopsia.

Non so nulla di "ricerca del glutine tramite DNA". Esistono dei test del DNA che tipizzano l' HLA del paziente, e risulta che certi genotipi HLA vanno incontro a celiachia piu' di altri, ma non fanno diagnosi di certezza.