Utente 515XXX
Gentilissimi Dottori. L'anno scorso piu o meno in questo periodo avevo richiesto un consulto per una micosi o psoriasi che in realtà si è rivelata un infezione da sifilide che circa 11 mesi fa ho curato con la penicellina nelle dosi comunemente da Voi consigliate e che il mio infettivologo mi aveva prescritto. A Maggio dell'anno scorso ho ripetuto gli esami che mi hanno dato vdrl 1:8 tpha 1:2560, igg positivo igM negativizzato ed altri valori (treponema M 0,67 neg e treponema g 5,07 pos). Oggi ho ritirato gli esami di laboratorio, e il risultato è vdrl 1:2 tpha identico a maggio, igg positivo igM negativo mentre il treponema m0,77 sempre negativo e treponema g 6,35 positivo. Entrambi questi ultimi valori sono piu elevati rispetto a 7 mesi fa, solo la vdrl a quanto pare è diminuita. Significa che la terapia non ha fatto effetto? secondo voi devo rivolgermi di nuovo dall'infettivologa o la presenza di questi valori indica una nuova infezione in corso da sifilide? Non ho avuto comportamenti a rischio nell'ultimo anno. Vi ringrazio anticipatamente cari dottori e buon lavoro.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente il ricorso ad una visita Dermatologica è utile tenendo presente che i valori da lei riportati indicano quella che noi chiamiamo "cicatrice sierologica"
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 515XXX

Iscritto dal 2007
Buona sera dottori. A distanza di 18 mesi dalla fine della terapia di penicillina, i miei valori di vdrl sono negativi, mentre il tpha è rimasto 1:2560. Pensate che sia opportuno continuare a ripetere le analisi del caso? Grazie e Buon Lavoro.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Come detto in precedenza siamo di fronte a valori che indicano una memoria, "cicatrice sierologica"
Non necessita di ulteriori esami
Cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
E' comunque sempre opportuno in linea di massima ripetere gli esami affidandosi al venereologo di fiducia ogni 6 mesi inizialmente e poi una volta l'anno per un periodo di tempo stabilito dal suo curante.


cari saluti