Utente 974XXX
Caro dottore, mia madre, 70 anni, nell'ottobre 2007, ha subito la mastectomia alla mammella destra a causa di un carcinoma duttale e lobulare unfiltrante, con metastasi ossee. La valutazione effettuata su un'area del tessuto tumorale ha mostrato un'ormonosensibilità pari a: ER 70% - PgR:60%. I valori postoperatori dei marcatori CEA e Ca 15-3 erano i seguenti: CEA 41, Ca15-3 231. Da allora è in cura con Femare e Bondronat compresse. Già dal primo mese di terapia i suddetti marcatori, ad ogni controllo, sono in discesa, fino ad arrivare dopo un anno ai seguenti reisultati: Ca15-3:19,74 - CEA: 3,95. Nel mese di novembre 2008 ha eseguito un'ecografia addominale completa con esito negativo. Nel mese di gennaio 2009, all'ennesimo esame del sangue i valori sono i seguenti: CREATININEMIA: 0,72 - TGO: 19 TGP: 35 - Y GT: 20 - BILIRUBINA TOTALE: 0.25 - AZOTEMIA:31 - GLICEMIA:80 - FOSF. ALCALINA:120 - PROTEINE TOTALI:6,34 - Ca15-3:28,83 (valore di riferimento < a 38,6) - CEA:6,74 (valore di riferimento 0-5,5). Come può vedere c'è un lieve aumento del marcatore CEA. Ci dobbiamo preoccupare? Un aumento dei marcatori è sempre legato alla presenza di un carcinoma? o può essere dovuto ad altre malattie? se si ,quali? Confido in una sua risposta. Grazie .Cordiali saluti. AM
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

una neoplasia della mammella metastatica con una buona ormonosensibilità può essere tenuta sotto controllo per un certo periodo di tempo, sin quando non si sviluppano cloni cellulari ormonoinsensibili e che quindi iniziano la loro crescita facendo progredire la malattia. Io direi che è il momento di una restadiazione completa a mezzo TC total body + cranio con mezzo di contrasto ed una scintigrafia ossea. Sulla base delle risultanze si può decidere se sia opportuno modificare la terapia in corso.

un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
L'aumento dei marcatori NON è SEMPRE alla presenza di un tumore.

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=39170
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Naturalmente la mia osservazione è generica e l'ho scritto per gli altri utenti in risposta alla sua domanda "Un aumento dei marcatori è sempre legato alla presenza di un carcinoma?" e quindi non si riferisce al caso suo.
[#4] dopo  
Utente 974XXX

Iscritto dal 2009
egregio dr Pastore, la ringrazio per la sua risposta, molto esauriente e chiara.Saluti