Utente 133XXX
buongiorno
ho 29 anni e da circa due mesi, dopo un attacco notturno di tachicardia, soffro di diversi porblemi.

Spesso sento il cuore accelerato, sia di giorno che di notte, in questa circostanza sento spossatezza e oppressione al petto, questa sensazione può durare anche diverse ore; mi sembra di affaticarmi più facilemnte del solito; ultimamente, da circa due settimane, avverto un senso di soffocamento e difficoltà a respirare, mi sveglio anche di notte per questo.

Ho effettuato gli esami del sangue e delle urine e sono risultati regolari.
Ho effettuato anche un ECG, il commento scritto del medico è stato. " cuore tendenzialmente tachicardico numerose interruzioni besv (non ho capito cosa ha scritto il dottore) anche regolari.
Devo ancora effettuare l'holter.

Sono abbastanza preoccupata, potrebbe essere insufficienza cardiaca?

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
non penso proprio...
fai l'holter e magari anche un ecocardio.
[#2] dopo  
Dr. Gabriele De Masi De Luca
24% attività
0% attualità
0% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Concordo con il collega,
...tra gli esami laboratoristici effettuati hai eseguito le determinazioni riguardanti la funzionalita' tiroidea (FT3, FT4, TSH), i depositi di ferro (sideremia e ferritina), ed un emocromo con formula?...potrebbero dare informazioni utili!
Assumi trattamenti farmacologici?

Saluti Gabriele
[#3] dopo  
Dr. Silvio Presta
28% attività
0% attualità
4% socialità
FOLLONICA (GR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Cara utente,
è anche possibile che il problema si chiami attacchi di panico. Questi fenomeni, causati da una disfunzione neurovegetativa, frequenti in età giovanile e in un buon numero di casi con presentazione notturna, sono oggi facilmente curabili con farmaci che non causano problemi di dipendenza. E' però necessaria una visita specialistica psichiatrica che confermi il sospetto diagnostico.
Cari saluti
Silvio Presta

www.silvio-presta-psichiatra.tk
[#4] dopo  
Utente 133XXX

Iscritto dal 2006
Buongiorno, prima di tutto vorrei ringraziare per avere risposto così velocemente, mi sono tranquillizzata.
Gli esami del sangue che avevo fatto comprendevano, tra le altre cose, FT3, FT4 e TSH, elettroliti (sodio e potassio) e funzionalità renale (creatinina), non sono state analizzate sideremia e ferritina e non c'è l'emocromo con formula. L'unico commento che è stato scritto è il seguente: "lieve anisocitosi a carico delle emazie", penso percè l'MCHC è risultato un po' basso (30,8 rispetto a un minimo di 32).
Attualmente sto prendendo un estatto di un'erba (escolzia, che in teoria dovverbbe diminuire le palpitazioni) che sembra funzionare; mi sento ancora abbastanza affaticata, ma sono molto diminuiti gli episodi in cui sentivo il cuore battere forte e ora dormo bene.
Non solo se è solo suggestione, anche grazie alle risposte confortanti che mi avete dato, comunque sto meglio.

grazie