Utente 953XXX
Salve...a causa di numerose verruchine piane sul mento, che pian piano si stanno espendendo anche sulle mascelle, il dermatologo mi ha suggerito di sottopormi ad una terapia fotodinamica.
L'ho fatta ieri. Mi hanno spalmato questo medicinale (fatto prima riscaldare su di un fornellino) su tutto il viso (a detta della dottoressa in modo da prevenire quelle nuove e di togliere anche qualche brufoletto), poi mi hanno applicato della pellicola trasparente con sopra delle bende. Sono rimasta così per circa 1ora e 1 quarto, poi mi hanno messa sotto questa luce rossa (le due guance per 10 min e poi fronte e mento per altri 10). Mi avevano avvisato che avrei potuto avvertire bruciore e calore durante questo tempo sotto la luce, ma il che non si è verificato..Infatti quando sono uscita dallo studio medico, la mia pelle era esattamente come quando sono entrata..nè rossa, nè accaldata.
E neanche stamattina!!! Che cosa vuol dire, che ho buttato i miei soldi e che non ha funzionato??Vi prego di rispondermi.
Vi ringrazio anticipatamente,
Buona Giornata

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo
28% attività
12% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
La terapia dermatologica delle verruche piane del viso, può essere effettuata ricorrendo a diverse metodiche dermatologiche (es. crioterapia con azoto liquido, applicazione di blandi cheratolitici adatti al viso, etc). La terapia fotodinamica è una tecnica moderna che talora può offrire dei buoni risultati, in pazienti selezionati. Essa si basa sull'azione fotodinamica di un fascio di luce rossa (esistono anche sorgenti luminose di colore blu, per altre indicazioni dermatologiche) su una sostanza fotosensibile. La produzione di radicali liberi dell'ossigeno, interferisce così con la formazione di nuove verruche (fotobiomodulazione). Si tratta di una tecnica che nelle mani del dermatologo, offre un'arma in più nella terapia di numerose malattie della pelle. Il tipo di terapia più adatto, generalmente è valutato dal medico al momento della visita, in base alla situazione in atto e non vi è una metodica ugualmente efficace per tutti i casi. Vi sono situazioni che rispondono brillantemente alla crioterapia ed altre che tendono a recidivare nonostante la corretta impostazione terapeutica. Il decorso delle verruche piane del viso è piuttosto imprevedibile. A volte regrediscono dopo una sola seduta (es. crioterapia, terapia fotodinamica, etc), altre volte invece tendono a persistere o recidivare. La risoluzione spontanea è un evento possibile. Il Suo dermatologo al momento della visita di controllo, valuterà la Sua risposta al trattamento e in base a questa Le fornirà tutte le spiegazioni a Lei necessarie ed eventuali consigli per evitare recidive. Le verruche piane del viso, generalmente regrediscono sempre, ma a volte possono trascorrere settimane prima di una completa risoluzione. Le lampade abbronzanti andrebbero evitate (effetto fotoimmunosoppressivo) così come le applicazioni di creme al cortisone. Segua i consigli del Suo dermatologo (anche su come truccarsi) e vedrà che pian piano risolverà il Suo problema. Cordiali saluti e in bocca al lupo!
[#2] dopo  
Utente 953XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore,
La ringrazio per la Sua risposta..forse pero' non ho fatto molta chiarezza su cosa io volessi realmente chiedere. La mia domanda è..il fatto di non avere eritemi e rossori dopo questa terapia (a distanza quasi di un giorno)cosa vuol dire? La terapia non ha fatto effetto? Oppure è possibile anche non avere rossori e che questi siano appunto solo un effetto collaterale possibile?
Grazie ancora!
Ps: ho provato di tutto sono quasi 3 anni che me le porto dietro ecco perchè mi sono decisa a sottopormi a questa terapia!:)
[#3] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo
28% attività
12% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Prima di un trattamento medico, è doveroso per il dermatologo spiegare possibili benefici ed effetti collaterali della terapia. Pur essendo l'eritema una reazione possibile, non necessariamente si deve avere un'irritazione cutanea ai fini del buon esito della terapia. Alla seduta successiva, il dermatologo valuta se si sono verificati eventuali arrossamenti, per adattare il dosaggio anche in base al fototipo della persona. Chiarisca tutti i suoi dubbi con il Suo dermatologo di fiducia. Cordiali saluti!
[#4] dopo  
Utente 953XXX

Iscritto dal 2009
Grazie ancora!!! :))