Utente 596XXX
Salve ho 25 anni e volevo chiedere delle informazioni su un piccolo problema che mi stà affligendo ultimamente..Ho notato un calo del desiderio, leggere difficoltà di erezioni e tempi di recuperi tra un eiaculazione e l'altra molto più elevati,prima riuscivo a farlo tutti i giorni ora ho bisogno di più tempo.Premetto di non aver avuto mai nessun problema, conduco una vita normalissima e non uso droghe e alcol, l'unica cosa che è cambiata da diversi mesi e che si è accompagnato alla comparsa di questi sintomi è un attività fisica molto intensa con allenamenti di 4 giorni a settimana piuttosto stressanti. Io ho collegato all'affaticamento dello sport questi sintomi perchè io prima non facevo niente e di colpo ho iniziato a fare tanto esercizio fisico (cardio e pesi) e ho notato diversi cambiamenti nel corpo che sicuramente avranno influito anche sulla situazione ormonale. Sicuramente è anche un periodo in cui non sento più di tanto questo bisogno fisico e penso sia successo anche in passato.Volevo sapere se queste potevano essere le cause e se integratori,sali o vitamine potrebbero contribuire a migliorare o magari un alimentazione ricca di qualcosa in particolare. Può trattarsi di una situazione temporanea che migliorerà?
Ringrazio tutti i gentilissimi dottori sempre disponibili..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'attivita' sportiva puo' dar luogo a leggere modifiche del quadro ormonale ma cio' non puo' essere considerato...patologico!Il dispendio calorico di un rapporto sessuale e' pari a quello di una rampa di scale,per cui non credo che inegratori,vitamine o quant'altro possa giovare alla causa.
Piuttosto,con la maturazione sessuale e con il consolidamento dei rapporto di coppia,puo' modificarsi l'approccio intimistico per cui il coito diventa un momento meno centrale a favore di altri interessi,Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il calo del desiderio può essere secondario a patologie prostatiche, ormonali, psicologice o molto raramente alla sua età metaboliche.
redo comunque che un colloquio con un collega possa essere dirimente. Faccia sapere se vuole.