Utente 978XXX
Salve,
ragazza di 14 anni, diagnosticata una insufficienza tricuspidale di 35 mmhg. Dobbiamo preoccuparci? Che conseguenze ha? Che soluzioni? Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Una insufficienza tricuspidalica (che tuttavia non viene espressa in mmHg), puo' essere un riscontro occasionale in pazienti perfettamente sani e asintomatici a patto che si mantenga lieve (generalmente essa è espressa con minima/lieve/moderata/severa) oppure con scale di + (+=minima, ++=lieve, +++=Moderata, ++++=severa).
Anzi per noi ecocardiografisti è quasi auspicabile aver soggetti con una lieve insufficienza tricupidalica, poichè questo ci permette con ottima affidabilità, di misurare le pressioni polmonari (quelle sì espresse con il termine PAPs=pressione in arteria polmonare sistolca e in mmHg).
Se il valore a lei misurato di 35 mmHg corrisponde come credo alla PAPs, esso risulta ancora nei limiti di norma.

A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente,nel pieno rispetto dell opinione qualificata del collega,ritengo però che la presenza di un gradiente della valvola tricuspide di questo genere vada comunque approfondito perchè la paziente è molto molto giovane e comunque è un reperto inusaula.Innanzitutto sarebbe utile avere la descrizione completa dell'ecocardiografia per verificare se esistono concomitanti difetti cardiaci o si tratta di un problema isolato,ed essere certi che non sia una manifestazione di un inizio di ipertensione polmonare idiopatica che nella sua rarità è pursempre un reperto da prendere in considerazione visto la giovane età della paziente.Non voglio assolutamente accendere nessun allarmismo,ma se le è possibile publicare il referto ecocardiografico completo si potrebbe essere più precisi su questa questione e se sia il caso di sottoporre la paziente ad ulteriori accertamenti.
Cordialmente
dr.annoni Andrea
[#3] dopo  
Utente 978XXX

Iscritto dal 2009
Innanzitutto grazie per le immediate risposte.
Nei test effettuati riesco a leggere solo
Max carico 75 W
Max FC/bpm 139 min (75%)
Max PA mmHg 120/170 mmHg
Max PAxFC 166 mmHg/min
Min PAxFC 156 mmHg/min

PWC 150/170 86/121 W
PWC rel 0,00/0,00 W/Kg

Interpretazione
stop 75 wattx2 negativo al carico
ecocardiogramma insufficienza tricuspidale paps 35 mmhg. Ripetere ecocardio fra un anno.

Questo è quanto. Non so cosa Le serviva davvero.
[#4] dopo  
Utente 978XXX

Iscritto dal 2009
Gentili Dottori,
Scusatemi ma aspetto ancora una cortese risposta. Almeno da uno dei due!!!!
[#5] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente innanzitutto mi scuso del fatto di poterle rispondere solo ora a causa di impegni lavorativi anche fuori sede di lavoro.I dati che lei ha scritto si riferiscono ad un altro esame e non ad un ecocardiogramma;nell'ecocardiogramma di solito c'è un referto descrittivo,dove sono scritte le caratterisstiche morfologiche del cuore e delle valvole cardiache e della funzione del cuore stesso,dati che sono utili per escludere innanzitutto che il problema dell'insufficienza tricuspidalica e del gradiente descritto non sia da ascrivere ad un problema cardiaco più complesso ma che sia un problema solo della tricuspide.Come le dicevo i valori sono seppur nella norma ai limiti superiori di quest'ultima con un valore che di solito non si riscontra in un caso come questo,ma ciò non vuol dire che sia perforza un problema serio ma puo essere meritevole di indagini.Eventualmente puo farsi aiutare dal suo medico di famiglia per l'identificazione dell'ecocardiogramma.Resto in attesa di notizie e nel porgere ancora le mie scuse per il ritardo la saluto cordialmente
dr.Annoni Andrea