Utente 979XXX
Salve,

scrivo per chiedere due informazioni che schematizzo:
1- Non sono circonciso. Vorrei sapere se, per motivi di igene (non far rimanere tracce di urina all'interno) è consigliabile scoprire il glande prima di urinare e ricoprirlo dopo.
2- Se mi capita di urinare con il glande scoperto, l'urina tende ad andare verso l'alto. E' normale?

grazie per il servizio che ci offrite.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
in relazione alle sue domande:
1. si è consigliabile (ma non obbligatorio). Utile anche, se se ne ha la possibilità, sciacquarsi dopo aver urinato (anche in questo caso: non obbligatoriamente).
2. non mi è chiaro cosa intenda: il getto di urina verso l'alto rispetto all'asse del pene? Può essere più preciso?
[#2] dopo  
Utente 979XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore,

intanto la ringrazio per le risposte.

Le dò le informazioni che mi chiede sperando di essere abbastanza specifico.

In stato flaccido (perchè so che in stato di erezione ci sono varie motivazioni per questo) con il glande coperto il getto è "normale" nel senso parte dal pene ed è diritto rispetto a come si è direzionato.
Con il glande scoperto, scusi il temine poco tecnico, è "a fontanella" ossia va un po' in alto rispetto all'asse del pene. L'idea è che urinando da in piedi per centrare il water devo mantenere il pene più inclinato in giu che quando il glande è coperto.


Non so se possa essere utile ma aggiungo anche che da bambino presi una botta sul pene cadendo su un muretto tanto da far uscire del sangue. andai al pronto soccorso ma non ricordo se misero punti o nulla.

Grazie ancora!
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Grazie, adesso è più chiaro.
Da quello che descrive parrebbe trattarsi di una sua caratteristica personale, con cui di massima dovrebbe convivere. Se volesse comunque una valutazione, dovrebbe rivolgersi ad un Urologo che potrebbe ricercare una eventuale (improbabile) anomalia dell'orifizio urinario esterno, o dell'uretra.
[#4] dopo  
Utente 979XXX

Iscritto dal 2009
Grazie ancora.

La saluto chiedendole un'ultima cosa:

Che differenza c'è tra un Urologo ed un Andrologo? Io (27 anni) non sono andato mai da nessuno dei due e pensavo che forse è ora di una visita di controllo all'apparato genitale. Nel caso in cui la ritenga utile potrebbe dirmi se andare ad un Andrologo od Urologo?

La ringrazio per la gentilezza.

A presto