Utente 979XXX
Gentili Dottori,
mio marito (40 aa) ed io (quasi 35 aa)cerchiamo una gravidanza da quasi un'anno (9 mesi). per quanto riguarda me c'è il sospetto clinico di un'insuffucienza del corpo luteo (ciclo abb. regolare ma con spotting pre-e postmenstruale). Per tale motivo, il tempo trascorso e visto la nostra età abbiamo deciso di effettuare delle indagini per vedere se per il resto le cose andavano bene.
Le mie analisi TSH,fT3,fT4,DHEA-S,LH,FSH,PRL,PROG,ESTRADIOLO prelevati al terzo giorno delle mestruazioni risultano nella norma.
Lo spermiogramma di mio marito è come segue:
astinenza 3 d
aspetto: opalescente
volume: 4,2 ml
liquefazion: completa
viskosità: nomale
ph: 8
spermatozoi/ml: 24 mill/ml
spermatozoi/eiacolato: 100.8 mill

motilità dopo 1h:
- rap. prog. 17%
-lentam. progr. 41%
-in loco: 27%
immobili: 15%

morfologia:
nomali:4%
patologici: 96%
atipie testa: 46%
difetti parte intermedia:40%
difetti coda:14%

vitalità: >75%
agglutinazioni: <5%

è prevvista una visita andrologica con ulteriore spermiogramma.

comunque le mie domande sono:
-si tratta dunque di una teratospermia grave?
-un'episodio di varicella nel mese di luglio piuttosto pesante con relativa assunzione di terapia antivirale (per circa 10 d)puo'a distanza di tanto tempo riflettersi sullo spermiogramma?
-oppure l'assunzione di azitromicina per 3 d per via di una sinusite?
-c'è una reale probabilità per una gravidanza naturale - e per una medico assistita?

Grazie per il Vs tempo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
1)la gravità delle alterazioni spermatiche e quindi il loro peso sulla fertilità della coppia non sono solo dati numerici, ma variano anche in relazione alla patologia che li ha provocati. In tal senso la visita col collega è veramente dirimente.
2) La varicella direi che non c' entra, a meno che al momneto del prelievo suo marito non avesse febbre o fosse senza febbre da meno di tre-quattro giorni
3) Azitromicina non fa nulla
4) Mi permetta di rispondere in maniera poco cavalleresca alla sua ultima domanda: le signore dopo i 35 anni subiscono un calo della fertilità naturale e di questo dato bisogna sempre tenerne conto nella prescrixzione di terapie andrologiche. Valuterà il suo andrologo, anche in relazione al punto 1 come sono le probabilità.
Faccia sapere se vuole come vabno le cose.
[#2] dopo  
Dr. Luigi Gallo
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile signora

dallo spermiogramma di suo marito risulta una teratospermia.
E' necessaria una visita andrologica completa per la ricerca di possibili cause alla base del problema.
Non mi risulta che i farmaci in questione (azitromicina e antiviridici) abbiano un effetto negativo sulla produzione di spermatozoi.
per saperne di più le rinvio un link del mio sito che sperò le sarà utile:


Cordialità
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,

certo la teratozoospermia di suo marito è importante .

Questa è comunque un "sintomo", cioè meglio un dato di laboratorio, che ha alla sua base diverse cause. Tra quelle da lei ipotizzate è più probabile quella legata all'assunzione di Azitromicina presa di recente.

Prima cosa da fare in queste situazioni cliniche è, come avete già in programma, ripetere l'esame del liquido seminale e poi consultare un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana.

Per una possibile gravidanza "naturale" tutto è possibile . Si ricordi che nel liquido seminale di suo marito (primo esame) ci sono più di 100 milioni di spermatozoi!

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
sul problema teratozoospermia è più facile che