Utente 980XXX
Buongiorno. Avendo contratto tempo fa la sifilide mi sono sottoposto a terapia di 15 gg con diaminocillina (1 puntura tutti i giorni).
I risultati iniziali della dignostica LUE erano:
RPR +++
TPHA 1:1280
IgG 3.60
IgM 4.48
I risultati dopo un mese dal termine del trattamento sono stati:
RPR ++-
TPHA 1:1280
IgG 5.05
IgM 2.40
COsa si può desumere da questi risultati? E' normale che i valori IgG siano aumentati? E' necessario che ripeta il trattamento?
Grazie e buon lavoro

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
è normale che aumentino le IgG (Di memoria) e diminuiscano le IgM (quelle fresche, recenti), ed anche la diminuizione del titolo per RPR (io preferisco vedere però le diluizioni quantitative, non qualitative, non i + o -) è buon segno.
Il TPHA per sua natura tende a rimanere uguale nel tempo, e quindi serve poco per il monitoraggio.
Va bene!!!Senta il suo specialista che periodicamente li farà rifare gli esami.

Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gli esami da lei addotti seguono un percorso classico dopo la terapia: ad ogni modo solo il venereologo potrà ben seguirla, non tralasci di farlo assimee ad egli.

cari saluti
[#3] dopo  
Utente 980XXX

Iscritto dal 2009
Grazie ad entrambi anche per la tempestività della risposta (anche di sabato pomeriggio!).
La domanda nasceva dal fatto che presso il centro dove ho fatto le analisi ed il trattamento mi hanno indicato di proseguire il trattamento con assunzione di Iosalide 1 g 2 compresse al giorno per 15 giorni (in alternativa ad un nuovo trattamento con diaminocillina).
Essendo a conoscenza di possibili effetti collaterali del farmaco ed essendo abbastanza contrario all'assunzione di farmaci quando non strettamente necessario, mi chiedevo se questo eventuale secondo trattamento fosse indispensabile od eventualmente posticipabile a quando avrò i risultati delle nuove analisi che dovrò fare tra due mesi.
Colgo l'occasione della vostra tempestività e cortesia per porvi una domanda che avevo trascurato di chiedere precedentemente (e che non ho pensato di porre al medico del centro): devo considerarmi ancora contagioso per altre persone?
Grazie ancora