Utente 980XXX
Salve, sono un ragazzo di 21 anni. Volevo premettere prima di dire i miei sintomi che non ho mai avuto un rapporto troppo "confidenziale" con il mio pene.Questo mi ha portato fino a pochi anni fa ad evitare spesse volte di toccare il glande o scoprirlo totalmente. Pian piano ho scoperto che la mia era solo una questione mentale..nel senso che non ho riscontrato poi tutta quella sensibilità che mi sarei aspettato e che mi frenava..per paura di dolori fastidi ecc... Non ho mai avuto rapporti sessuali fin ora, ho sempre cercato di evitarli, e visto che penso sia arrivato il momento direi..mi sono sottoposto liberamnete ad una visita da un andrologo per chiedere alcuni consigli e per farmi visatare visto che non l' avevo mai fatto prima. L' andrologo mi ha confermato che la lieve sensibilità che avverto è del tutto normale,non ha riscontrato fomosi, ma ha notato la presenza di frenulo breve. In effetti a pene flaccido nn ho mai avuto problemi nello coprire il glande (anke se questo lo faccio da un paio di anni a questa parte in maniera costante, prima ho sempre evitato di farlo come gia detto), al contario con il pene in erezione il glande non riesce a scoprirsi automaticamente del tutto, di conseguenza devo essere io a scoprirlo manualmente. La pelle non scende molto più sotto del glande e soprattutto quando riporto la pelle sul glande, e lo faccio in maniera continua, la stessa si gira nella parte di dentro e mi provoca un piccolo fastido, che riesco a superare lubrificando con un po' di saliva. L andrologo mi ha prescritto la seguente terapia: Fimosin gel 1 applicazione sul glande al giorno per 30 giorni, Vea lipogel 1 applicazione sul glande una volta ogni 4 giorni per 20 giorni. Se questa terapia non dovesse dare risultati mi ha detto che si potrebbe optare per una frenuloplastica.Cosa ne pensate? In oltre volevo chiedere se potrei riscontrare eventuali problemi durante i rapporti sessuali. l andrologo mi ha detto che non dovrei avere nessuno problema e che al contrario potrebbe servirmi per esercitare la pelle ad essere più elastica.Questo mi ha lasciato un po' nel dubbio, anche perchè ho sentito dire che il glande deve essere scoperto durante la penetrazione e anche nel caso in cui si voglia usare il preservativo. In attesa di una vostra risposta in merito CORDIALI SALUTI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

nella sostanza direi che i consigli del suo andrologo sono condivisibili.
Se vuole approfondire l'argomento "brevità del frenulo" potrebbe leggere il seguente articolo nella sezione Minforma: "Il frenulo del pene: tutto o quasi quello che c'e' da sapere".
[#2] dopo  
Utente 980XXX

Iscritto dal 2009
grazie per avermi risposto, volevo sapere inoltre se in un eventuale rapporto sessuale potrei avere problemi visto che il consiglio del mio andrologo mi ha lasciato diverse perplessità,in particolare vorrei sapere se è possibile utilizzare il preservativo anche a glande semicoperto o provare a scoprirlo tutto prima di inserire il preservativo stesso, o eventuali consigli da parte vostra sull utilizzo per non avere problemi con il frenulo breve che presento.
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
sicuramente l'utilizzo del preservativo tende a proteggere dal rischio della lacerazione del frenulo; è secondario che il glande sia completamente o solo parzialmente scoperto.
Altro elemento importante è il grado di lubrificazione vaginale al momento della penetrazione.
[#4] dopo  
Dr. Luigi Gallo
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile signore

Mi permetta di tranqulizzarla facendo seguito a quanto esposto dal Dr Pescatori che mi ha preceduto.
I problemi che lei ci riferisce sono molto diffusi e di facile risoluzione.
Personalmente , nei pazienti della sua età in cui rilevo la presenza di una fimosi associata ad un frenulo breve eseguo in prima istanza l' intervento di circoncisione + frenuloplastica. Questo tipo di intervento fa parte della cosiddetta "piccola chirurgia", si esegue in anestesia locale, è risolutivo e soprattutto le permette di godere appieno della sua vita sessuale (che è appena iniziata...).
Personalmente non sono solito prescrivere creme e cremine varie.
Comunque se desidera saperne di più le consiglio questa lettura tratta dal mio sito che spero troverà utile:

http://www.studiourologicogallo.it/fimosi.php

In ogni caso ci tenga informati, se lo desidera, sulla sua situazione.