Utente 981XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 27 anni. Da qualche settimana (quasi 2) soffro di fitte all'altezza del rene sx. Le fitte mi hanno fatto pensare all'inizio a renella o calcoli renali (mai sofferto di reni fino ad ora) ma leggendo su Internet (so che non è un bene farlo, ma avevo paura) ho letto che le coliche renali sono lunghe di solito da 20 a 60 minuti, le mie fitte invece - sebbene siano piuttosto intense - durano 1 massimo 2 secondi. Non ho difficoltà nella minzione e non ho notato nessun calcolo espulso nelle urine, non ho altri sintomi. C'è da dire che da un po' di anni sono in sovrappeso: sono alto 1,81 m e peso 100 Kg. Durante le feste natalizie - come credo tutti - ho mangiato abbondantemente e spesso. Inoltre ho mangiato parecchia cioccolata. Chiedo aiuto perchè queste fitte mi stanno portando a fissarmi psicologicamente e siccome sono un tipo ansioso vorrei un consiglio. Inoltre capita che per alcuni giorni le fitte non ci sono, ma sento un leggero dolore, lievissimo, sempre all'altezza del rene sx. Quando appaiono le fitte sento come se si muovesse qualcosa all'interno del rene, come un granellino (ecco perchè ho pensato ai calcoli), subito dopo che questo "granellino" si muove il dolore scompare.

Può invece essere un problema di circolazione? Della vena o arteria renale?

Ho fatto gli esami del sangue per l'ultima volta 1 anno e mezzo fa ed era tutto nella norma, solamente il colesterolo un po' altino (mi sono poi messo a dieta, ma non ho fatto bene il mantenimento e ho riacquistato di nuovo peso).

Per qualsiasi chiarimento non esitate a scrivere, aspetto una Vostra gentile risposta, anzi più che risposta (a distanza non si può fare una diagnosi ovviamente) un consiglio, con qualche esame specifico da effettuare magari, e dove.

Ringrazio in anticipo,

M.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Claudio Pedicelli
28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile utente, innanzitutto sarei molto curioso di sapere dove ha letto che le coliche renali durano da 20 a 60 minuti: i poveretti, che fin troppo spesso mi capita di vedere, con coliche che durano da giorni, settimane e anche mesi potrebbero avere qualcosa a che ridire.
Effettivamente se lei ha solo delle fitte istantanee è altamente improbabile che dipendano da spasmi urinari; è invece possibile qulche spasmo della flessura sx del colon come postumo natalizio.
Preferisco non commentare l'idea del "granellino " che si muove nel suo rene, piuttosto surreale.
Una senplice ecografia dei reni può toglierle ogni dubbio.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 981XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo Dr. Pedicelli,
la ringrazio per la cortesia e la tempestività.
Chiedo scusa ai sofferenti di reni se ho azzardato questa ipotesi, ma non sono nè medico nè paramedico e infatti mi sono rivolto a degli specialisti (come lei) al fine di ricevere consigli. Comunque sia, oggi le fitte sono state numerose e poco dopo aver scritto il primo messaggio sono uscito e mi sono recato al pronto soccorso.

Ho descritto il problema al dottore il quale mi ha fatto fare una radiografia al torace, per escludere compromissioni polmonari e cose varie. E' risultato tutto perfetto.. testuali parole "mai visti due polmoni così sani", e sinceramente ho tirato un sospiro di sollievo.

Scartata questa ipotesi quindi, mi ha chiesto se ho mai sofferto di schiena e gli ho risposto di no. Ha detto che potrebbe essere una lombalgia sporadica e mi ha prescritto una radiografia alla colonna vertebrale ed una visita ortopedica generale.

Lei condivide questa diagnosi? Umilmente chiedo: la lombalgia potrebbe provocare queste fitte? O invece dovrebbe provocare dolori magari anche più blandi ma continui?

Aggiungo che faccio una vita sedentaria, non pratico sport e sto molto al computer per lavoro, spesso in posture scomode. Mi capita anche a casa - a volte - di stare nel letto con il portatile sicuramente in posizioni non consone.

Il dottore ha detto che i miei "spasmi" potrebbero essere il risultato della compressione di qualche nervo da parte delle vertebre lombari.

Io ho paura che potrebbe essere altro, come ad esempio un danno neurologico.. ogni tanto ho qualche fascicolazione ma credo sia dovuta al forte periodo di stress che sto passando (non solo per questi dolori).

Per finire, ne ho parlato con un mio amico, assolutamente non medico ma che ha attraversato stati d'ansia e mi ha detto che questi dolori e anche le fascicolazioni sono spesso il risultato della somatizzazione di stress e stati d'ansia.

Sono molto confuso. Prenoterò in questi giorni le visite consigliate dal dottore dell'ospedale. Sarei curioso però di sentire anche i Vostri pareri.

Ancora grazie e vi prego di vedermi per ciò che sono realmente: una persona che non ha mai avuto nulla (grazie a Dio) ma che è sempre stata un pochino ipocondriaca e stressata.

M.
[#3] dopo  
Dr. Claudio Pedicelli
28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile utente, i dolori a genesi vertebrale tendono ad essere in rapporto con la posizione assunta.
Mi sembra comunque che la componente di somatizzazione tenda fortemente ad amplificare dei disturbi in sé banali.
Si faccia seguire con fiducia dal suo medico.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 981XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio ulteriormente per i suoi consigli.
Farò gli esami della colonna vertebrale e di ortopedia che mi sono stati consigliati, accompagnati da un check-up generale (emocromo, esame delle urine ecc.) per togliermi ogni dubbio.

Grazie per la disponibilità e buon lavoro,

M.