Utente 134XXX
Buon giorno,
io e mio marito stiamo da un anno cercando di avere un bambino.
Ultimamente sono però sorte delle complicazioni, a parte alcuni problemi miei (fibromi) che sto cercando di risolvere, durante i rapporti avvertiamo un forte bruciore, lui da qualche mese sempre, io quasi sempre.
Dopo il rapporto lui è molto arrossato sia sulla pelle del pene che in alcuni casi è arrivata anche ad avere dei piccoli taglietti, sia sulla punta. La mia ginecologa ha detto che io non ho nulla, e mi ha consigliato di rivolgermi ad un andrologo.
A parte il fatto che non so se è il caso di consultare l'andrologo o il dermatologo, avrei bisogno anche di sapere se devo presentermi al consulto già con degli esami pronti, in modo da non perdere tempo.
Grazie 1000

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Sig.ra,
se la Ginecologa ha escluso un fatto infiamatorio/infettivo su di lei è probabile che si tratti di un problema legato a microtraumi del prepuzio dovuti al rapporto stesso; forse ache, ma è solo un'ipotesi, alla frequenza più elevata dei rapporti vista la ricerca della gravidanza.
Direi che il Dermatologo è lo Specialista più indicato per una prima valutazione. Sarà il collega stesso che vi potrà consigliare un Andrologo se sarà necessario.

un sincero augurio
[#2] dopo  
Utente 134XXX

Iscritto dal 2006
grazie 1000 per la sua cortese risposta.
La mia ginecologa mi aveva consigliato di rivolgermi direttamente a lei, ma credo che sentirò prima il parere di un dermatologo, e poi eventualmente se lui lo ritenesse necessario prenoterò una visita presso il suo studio.
Solo una cosa: i microtraumi di cui lei parla, possono essere causati invece che alla frequenza dei rapporti, ad una mia rigidità, e difficoltà di rilassarmi, durante i rapporti???
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Direi che è possibile come è possibile che ci sia una scarsa lubrificazione vaginale che quindi determina dei microtraumi da attrito durante il coito.

Un cordiale saluto
[#4] dopo  
Utente 134XXX

Iscritto dal 2006
Grazie ancora per la sua risposta, avrei bisogno di chiedere un'ultima cosa:
questi microtraumi vanno curati oppure stando attenti e con un po' di riposo si rimarginano da soli??
Già adesso che abbiamo capito il motivo, lui dice di sentire meno bruciore e alcuna volte per niente.
Grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Certamente con creme che favoriscono la cicatrizzazione, qualche giorno di astinenza da rapporti e l'uso poi di lubrificanti può di certo ridurre il rischio di recidive.
Qualche volta, ma non voglio fare il porta sfortuna, il prepuzio diventa più "debole" in quella zona con continue guarigioni e recidive che non sono più controllabili e c'è la possibilità di dover ricorrere alla chirurgia.

Un saluto
[#6] dopo  
Utente 134XXX

Iscritto dal 2006
gent. Dottore,
leggendo qua e la nei vari siti, mi sono resa conto che il problema di mio marito potrebbe essere quello di avere una fimosi,
di fatto mi sono resa conto che durante i rapporti il suo grande rimane sempre coperto dalla pelle e non si scopre mai del tutto, si vede solo la parte superiore.
Crede che i fastidi avvertiti fino ad oggi siano compatibili con questa patologia.
Grazie ancora.
[#7] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Buonasera Signora,
credo di si, potrebbe trattarsi di una fimosi vista l'impossibilità allo scoprimento completo del glande. L'origine dei taglietti deriverebbe a questo punto dalla trazione forzata della pelle durante il rapporto che però non scorre bene e tende a lacerarsi.

Un cordiale saluto