Utente 721XXX
Sono una ragazza di 25 anni, circa sei anni fa sono stata operata per rimuovere una fistola sacrococcigea ramificata, mi è stata in seguito lasciata aperta la ferita e mi sottoponevo a medicazioni 3 volte la settimana presso la struttura in cui mi ero operata.
Durante una di queste medicazioni sentondo parlottare il chirurgo e l'infermiera capii che c'era qualcosa che non andava perchè essendo comparsa un'infezione o la fistola si era riformata o non era stata rimossa del tutto, intanto la ferita si rimarginava e lasciarono le cose così com'erano...
Oggi ho un dolore tipico, come una sensazione di indolenzimento all'osso sacro e sono alquanto scoraggiata.
ovviamente credo di dovermi sottoporre a visita presso un chirurgo ma il mio dubbio è : ci sono probabilità che il 2° intervento venga eseguito con il metodo che preveder la sutura della ferita dopo l'operazione? grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Credo sia indispensabile prima porre una diagnosi mediante vista chirurgica. Solo allora si potranno valutare le eventuali opzioni terapeutiche. Auguri!