Utente 969XXX
Gentili Medici, scrivo in merito a mio papà.
Ha 62 anni e soffre ti ipertensione e qualche problema cardiaco.
Mi spiego meglio, la funzionalità cardiaca è buona tuttavia sono presenti tantissime extra sistole non ricordo bene il numero, motivo per cui la cardiologa che lo segue ha ritenuto opportuno fargli assumere il SEQUACOR 2,5 una volta al dì e ESAPENT prima del pranzo. Con il SEQUACOR la presnza delle extrasistole è diminuita di molto. Tuttavia il problema è il seguente: alla sera o meglio nelle ore notture a volte inizia ad avere tremori fortissimi e brividi di freddo tali da dover subito coprirlo con 3 o 4 coperte e arrivare a tener ferme le gambe. Non perde mai conoscenza, tuttavia la pressione minima sale e anche i battiti cardiaci arrivano a toccare 112 al min. L'evento dura circa una buona mezzora, dopo tutto passa. Il cardiologo che lo ha in cura sostiene sia tutto un problema di accumulo di tensioni giornalieri, c'è da dire che è molto ansioso tanto che alla sera assume delle gocce di cui non ricordo il nome, per poter riposare meglio.
Lui si controlla ogni 6 mesi con esami del sangue,holter cardiaco e holter pressorio, il tutto risulta nella norma tranne un piccolo innalzamento del colesterolo che arriva a 213.La mia paura comunque è forte perchè quando gli vengono le crisi temo per il suo cuore.
Cosa possiamo fare ancora per riuscire a controllare questi eventi e per impedirli?
Grazie e mi scuso per la lungaggine

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,è molto probabile che sia un problema di natura ansiogena e di attacchi di panico,inoltre il buon esito confermato dagli esami di controllo periodici depongono ancor più per questa ipotesi;può essere che la terapia con le gocce di cui parla non sia sufficiente per il controllo dello stato emotivo-ansioso o che addirittura dia un effetto paradosso con manifestazioni opposte a quelle che dovrebbe fare;pertanto le consiglierei di rivolgersi al suo medico di famiglia per sottoporre suo papà ad una rivalutazione della terapia per l'ansia presso uno specialista perchè verosimilmente è proprio questo il problema.
cordialmente
dr.Annoni Andrea