Utente 986XXX
salve,ho 24 anni e non riesco a darmi pace per la morte del mio ragazzo: 26 anni,altezza 170-175 peso 90-95 kg.il 4-01-09 è morto nel sonno,l'ho visto fino a 3 ore prima della sua morte e non lamentava alcun dolore o fastidio, anzi quella sera abbiamo riso come pazzi.non mi do pace perchè era una persona sana,non beveva(tranne qualche volta come quel sabato una birra piccola di contro era un amante della coca-cola)non fumava, non faceva uso di droghe o di farmaci, era uno sportivo doc.non c'è una ragione.sono afflitta perchè la situazione è un po' particolare:il 118 che l'ha soccorso ha dichiarato come causa un infarto, i genitori non hanno richiesto autopsia così come non l'hanno fatto il medico legale e quello curante (è normale?).io da persona estranea mi chiedo se ad oggi è possibile fare qualcosa; in più mi sono ricordata che lui fu riformato dall'esercito per insufficienza mitralica ma i genitori hanno detto che a seguito di altri esami fatti dopo (al di fuori dell'esercito)questa insuffucienza mitralica non è stata confermata da nessun dottore.quali sarebbero dovuti essere gli esami a cui doveva sottoporsi per una conferma o smentita di questa malattia?ma soprattutto si puo' morire per insufficienza mitralica?lo so che mi consighlierà di rassegnarmi come fanno tutti ma io non ci riesco perche non si puo' morire cosi senza accusare di niente.do alcune informazioni che forse possono essere utili.negli ultimi mesi lamentava di mal di testa(attribuiti al lavoro al pc che svolgeva, li "curava" con mesulid)da quando lo conosco non si lamentava di tipici dolori se non come ripeto negli ultimi mesi.il cognato che lo ha soccorso per prima ha notato:assenza di pupille e rossore attorno all'iride, confiore alle ghiandole del collo.la ringrazio anticatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la morte improvvisa, soprattutto nel soggetto giovane, è uno shock per tutti, parenti, conoscenti ed anche per noi medici. Qualunque ipotesi sulla causa andrebbe comunque suffragata da un esame autoptico. E' quindi inutile lambiccarsi e deprimersi per cause che non potrà mai sapere.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 986XXX

Iscritto dal 2009
lo so che sarebbero tutte ipotesi ma almeno potrebbe rispondere a queste domande come se fossero semplici informazioni: a)l'autopsia potrebbe essere richiesta ancora ora o come esame non puo' essere effettuata più dopo sepoltura e soprattutto dopo tanti giorni b) da chi (se è ancora possibile)puo' essere richiesta? c)Si puo' morire per un'insufficienza mitralica?d)in casi di morte del genere non era dovuto dal medico legale o dal medico generico richiedere l'esame autoptico?
la ringrazio anticipatamente e mi scuso per il disturbo.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, quando si ritiene che il decesso sia avvenuto per cause naturali da parte del medico necroscopo e in assenza di ipotesi di reato non si procede ad esame autoptico, la cui utilità a dire il vero lascia il tempo che trova. Di insufficienza mitralica, solo quando severa e complicata dall'insorgenza di severe aritmie può determinare la morte improvvisa.
[#4] dopo  
Utente 986XXX

Iscritto dal 2009
lo so che lei ha perfettamente ragione.umanamente io non me ne faro' mai una ragione ma almeno dal punto di vista medico potevo sperare in una risposta, dare un senso tecnico alla morte della persona che amo, che aveva tanta voglia di vivere, tanti sogni da realizzare e soprattutto conduceva una vita sana e (almeno apparentemente) non aveva alcuna malattia; le sembrerà una cretinata ma una delle tante cose che mi logora in questo momento è anche il solo pensiero che lui abbia sofferto prima di morire, ma a quanto ho capito questo resterà uno dei tanti punti interrogativi che mi accompagneranno per tutta la mia vita.comunque non mi resta che ringraziarla per la sua disponibilità.distinti saluti.