Utente 915XXX
salve a tutti, volevo chiedere un vostro parere. sono una donna e ho 23 anni.
spesso in inverno soffro di dolori al petto...che vanno da ascella dx ad ascella sx..a volte si irradia sul seno sx con specie di bruciore poi e sullo sterno. Tra l'altro ho sempre la sensazione di avere il fiato corto...è come se mi mancasse l'aria e quindi spesso faccio grandi respiri. mi sento a volte stanca..molto giu.. mi passo una borsa d'acqua caldissima x attutire i dolori e a volte passano...altre volte passano e poi ritornano. Io ho fatto varie visite al cuore, anche approfondite (tranne la prova da sforzo), e non ho nulla, a parte la sindrome vasovagale. adesso non so se può centrare qualcosa questa sindrome. anche una visita senologica ed esami di sangue e tiroide ma tutto ok. vado dalla mia dottoressa e dice che non ho nulla...ne sono contentissima..però io i dolori li ho sempre...e mica me li invento! a volte mi sento incompresa..è come se fossi pazza...io mi sento qualcosa e tutti mi dicono che sono fissata!!che sono ansiosa e che talmente mi fisso sulle cose che mi vengono sul serio. ma io non ci credo. faccio anche aerosol 2 volte al gg con il prontinal..tra l'altro ho anche una rinite allergica fastidiosa con eccesso di muco in gola e alle vie uditive, tanto che spesso ho l'udito ovattato. vorrei vivere una vita normale, da 23enne senza problemi. ho gia avuto un 2008 e inizio 2009 molto tragico e stressante e vorrei stare bene davvero.
Secondo voi possono essere dolori intercostali?? e se si, come posso "curarli" o alleviarli?
L'aerosol mi fa bene in questo caso o posso anche evitarlo?
cosa posso fare per stare bene?
secondo voi, sono un caso con ipocondria?
altra curisiotà, con la mia sindrome non posso assumere i farmaci vasodilatatori. ma quali sono?io non so se li assumo con aerosol per esempio e poi sto male per questo.
grazie e ancora grazie per le vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, i farmaci somministrati tramite aerosol non sono vasodilatatori ma tutto al più broncodilatatori, se la sua sintomatologia poi, debba considerarsi di tipo ansioso è cosa molto probabile viste le visite specialistiche cui si è sottoposta. Più che dei farmaci, le consiglio l'assunzione di camomilla/valeriana, sostanze naturali spesso favorevoli lenitrici dei dolori somatici.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 915XXX

Iscritto dal 2008
Dott. Martino,
la ringrazio per la sua risposta. A quanto ho capito secondo lei i dolori che accuso sono di origine psicologica? nel senso...ci penso e mi vengono sul serio??
questi dolori quindi devo tenermeli..non passerebbero cn farmaci adatti x dolori? o con altri metodi?
e mi dica un po..lei che è cardiologo, per la sindrome vasovagale, non c'è nulla da fare? glielo chiedo perchè ci sono giorni come oggi che improvvisamente mi sento fiacca, stanca, "pesante", fino a che poi mi viene il mal di testa...peso al petto e pressione bassa..e allora ricorro a gambe alte e un po di sale in bocca per far salire la pressione. Ma i sintomi diciamo rimangono tutto il giorno, con peso al petto e alla testa e fiacchezza. Cos'è che mi può aiutare a non avere questi malesseri improvvisi?perchè glielo garantisco non sono proprio belli. Mi hanno detto che tutti gli spray nasali sono vasodilatatori, io stamattina appena sveglia ho spruzzato il vicks perchè avevo il naso completamente otturato..e dopo 1oretta abbondante ho avuto i sintomi che le ho descritti sopra.
Grazie per la risposta.
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in genere i pazienti con ipertono vagale si accompagnano ad ipotensione ortostatica. Se lei rientra in tali canoni viene usualmente prescritta una terapia farmacologica a base di gocce di midodrina o simili, si informi dal suo curante.
Saluti