Utente 986XXX
gentilissimi,
è da tempo che avevo intenzione di scrivere per chiedere un parere alle SS.VV.
Complimenti per il sito e per gli interventi che si susseguono con estrema professionalità e umana comprensione...ma veniamo al dunque!
Nel mese di aprile 2007 a mio figlio 22enne viene diagnosticato un nodulo al testicolo sx.La sanità pubblica della mia città mi prospetta una lista d'attesa, breve ma pur sempre una lista d'attesa.Naturalmente scappo e intraprendo quel famoso viaggio della speranza ed evito così lungaggini incomprensibili, dopo due giorni si effettua l'intervento (orchifunicolectomia sx e posizionamento protesi testicolare).Prima dell'intervento i marcatori davano bhcg 69, afp (non ho il dato) ma comunque leggermente sopra i valori.All'indomani dall'intervento, TAC T.BODY con contrasto con risultato negativo, BHCG 27 AFP 1,19.Istologico dopo 30 giorni:Neoplasia a cellule germinali mista, comprende carcinoma embrionale (80%) e yolk sac tumor (20%).Cellule neoplastiche positive per cd30,alfa-fetoproteina,hcg,PLAP(focale) e citocheratina 7 (focale);negative per cd117,lattogeno placentare e citocheratina 20.Indice di proliferazione (Ki-67):95%.Coesistente neoplasia intratubulare cellule germinali(IGCN)perinodulare.Margini di crescita della neoplasia:espansivo.Non si evidenziano infiltrati linfocitari,né di invasione neoplastica angiolinfatica. Margini di resezione esenti da neoplasia.
Categoria pt1 secondo il sistema tnm(UICC,2002).Coesistente lipoma del funicolo spermatico.
L'urologo mi invita a consultare un oncologo, perché secondo lui potrebbe essere necessaria una peb di due cicli, intanto dopo 15 giorni dall'intervento i marcatori danno risultati confortanti BHCG 2 e AFP 1.
L'oncologo classifica il tumore con T1 N zero M zero, e si esprime fermamente contro i due cicli di PEB con la contestuale frase:-Suo figlio ha probabilmente risolto e quindi una vigile attesa con una buona dose di ottimismo va più che bene-. 1°anno (tac t.body con contrasto e marcatori ogni due mesi).2°anno (tac t.body con contrasto ogni sei mesi e marcatori ogni tre)
3°4°e5°anno (controllo annuale.
Attualmente mio figlio deve fare il secondo controllo semestrale del secondo anno ed esattamente fra due mesi, il controllo dei primi sei mesi ha dato risultati(negativi) tanto che l'oncologo si è espresso così:Ottimo, la scelta di non fare terapie è stata azzeccata,possiamo rilassarci e l'ultimo controllo del secondo anno farà la tac con contrasto soltanto alla zona pelvica e i marcatori dopo sei mesi!
Posso veramente sperare che questa esperienza che mi ha sconvolto la vita possa concludersi in questo modo insperato?
Leggo su vari siti che i tumori al testicolo sono alienabili al 95%-98%, la rimanente percentuale perché sfugge alla guarigione? tempestività? tipologia?
Grazie per una eventuale risposta e un caro abbraccio a chi come me ha dovuto affrontare un'esperienza simile.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara lettrice ,

fa una domanda da un milione di euro!

Comunque la mancata guarigione, in presenza di un tumore testicolare, è proprio legata ai fattori da lei indicati: tipo di tumore e tempestività nell'arrivare ad una diagnosi prima che la neoplasia si metastatizzi, cioè vada in giro e si localizzi in altre parti del nostro corpo.

Oggi infatti consigliamo ai giovani maschi, senza però essere maniacali, una corretta autopalpazione dei propri testicoli.

Se qualcuno dei giovani utenti che ci legge desidera poi avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano il maschio gli consigliamo di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=35780.

Qui potranno trovare tutte le raccomandazioni date dal National Cancer Institute statunitense su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Utente 986XXX

Iscritto dal 2009
dr.Beretta la ringrazio per la sollecita risposta,
ma fondamentalmente cosa ne pensa del caso di mio figlio? L'iter che abbiamo seguito e stiamo seguendo secondo Lei è corretto?posso realmente tirare un sospiro di sollievo come dice il mio oncologo? perché il mio oncologo dice che siamo stati fortunati non per essere intervenuti in tempo ma per la tipologia del tumore?
Io personalmente pubblicizzerò al massimo il link di cui Lei fa cenno...ora sono proprio convinto di quanto sia importante la prevenzione...benedetta visita di leva,dove sei finita?
grazie ancora dr.Beretta
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,

da quello che ci scrive, non possiamo che essere ottimismi e con il suo oncologo che per altro conosce in modo più preciso di noi ed in diretta l'esatta situazione clinica di suo figlio.

Poi corretta anche la sua osservazione .

Purtroppo ,come giustamente da lei detto , alla famosa visita di leva che un tempo permetteva di fare una minima ma basale attività di prevenzione oggi, al "povero" giovane maschio, sempre più solo, non è rimasto più nulla ed è difficile per lui arrivare a capire precocemente un eventuale problema andrologico.

Come spesso ripeto da questo sito per un giovane dovrebbe essere importante conoscere il suo andrologo di fiducia ed imparare dalle compagne e dalle donne che lo circondano le quali "precocemente", quasi sempre, sanno chi è il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#4] dopo  
Utente 986XXX

Iscritto dal 2009
dr beretta la ringrazio...
continuerò ad essere ottimista, non dimenticando mai che se l'intervento è stato tempestivo nel caso di mio figlio, lo dobbiamo esclusivamente ad un puro caso!
Lavoro nel campo sociale, sono a contatto con molti giovani...farò del mio meglio e cercherò di fare buona opera di sensibilizzazione!
grazie ancora.