Utente 117XXX
Mi rivolgo alla votra autorevole conoscenza al fine di poter colmare dei dubbi che in questi giorni stanno affliggendo me e soprattutto mia moglie.

Da qualche anno a questa parte mia moglie accusa dei dolori al basso ventre, soprattutto verso la zona lombare della colonna, all’altezza circa del rene dx, e per parecchio tempo ha convissuto con dei dolori all’interno della gamba dx.

Tali sofferenze sono infine degenerate, in fastidiosi disturbi, all’apparenza di natura nervosa (formicolio delle mani e dei piedi, soprattutto durante il sonno delle ore notturne, nonché lieve difficoltà nella presa di oggetti con le mani) che hanno indotto sia me che mia moglie a far eseguire un accertamento radiografico, alla Colonna Cervicale ed alla Colonna Lombosacrale, che è stato eseguito in Catania in data 11.04.2003, dal referto emergeva la seguente diagnosi:

Raddrizzata la lordosi cervicale.
Ravvicinate le apofisi posteriori: la C1 all’occipitale esterno, la bifide le apofisi posteriori C4, C5.
Torsione antalgica sn concava.
Torsione dx convessa lombare
Raddrizzata la lordosi.
Artrosi modesta articolare L4, 5.

Frammento di ago con cruna sottocutaneo anteriore parasaggitale alla apofisi trasversa dx di L5.
-
Clips metalliche – pregresso intervento della colecisti – al quadrante superiore dx dell’adome.

In sintesi, ed in ordine cronologico, elenco gli interventi chirurgici che mia moglie ha subito negli ultimi anni:


Circa 5 anni fa, è stato eseguito presso un Ospedale di Catania, un intervento chirurgico, con procedura d’urgenza, alcuni calcoli della cistifellea erano in prossimità dell’infundibulo, un intervento di colicistectomia con il metodo della paroscopica.


Circa 1,5 anni fa intervento chirurgico per parto cesareo.


Visto i risultati dell’esame rx , "Frammento di ago con cruna sottocutaneo ant." i dubbi che sono emersi sono:


Vengono utilizzati aghi da sutura con filo naturale per suture interne a seguito del primo intervento " colicistecomia metodo la parascopica". E se si;

È mai possibile che a seguito del primo intervento chirurgico "colicistecomia" sia stato smarrito un ago da sutura, o parte di esso, all’interno dell’adome. E se si;

Che rischi si corrono a lasciare un corpo estraneo all’interno del corpo;

O forse l’immagine che si vede dalle radiografie, è in effetti uno dei famosi clips metallici "in titanio" per la legatura dei peduncoli vascolari e biliari, anche se risulta evidente e molto chiaro la forma di un pezzo di ago ricurvo con evidentissima cruna.

Potrebbe allo stesso modo trattarsi sempre di una parte di ago da sutura, ma smarrito all’interno a seguito del parto cesareo.

Od infine, ha forse sbagliato diagnosi il medico radiologo nel referto appena citato.

Come potrete ben capire possiamo, io e mia moglie farci solo tremila domande, ma nessuna potrebbe essere quella giusta; abbiamo altresì visitato sia il medico chirurgo autore dell’intervento di colicistecomia metodo la parascopica, sia il medico ginecologo per dei chiarimenti a riguardo, ci hanno semplicemente risposto: (forse perché potevano essere loro in primis parti in causa) "no no cara mia Signora non si preoccupi non è niente di allarmate, stia solo attenta, facendo altri controlli che quest’ago non vada in giro" lasciandoci perplessi ed in un mare di dubbi. Ed infine dall'esame della radiografia, fatta da altro medico, è stato messo in evidenza e con chiarezza che non si trattava di "clips" metalliche per intervento da colicistectomia, perchè completamente fuori zona ed evideziate in altra maniera ma si trattava di "frammento di ago con cruna" come diagnosticato dal medico radiologo.

Quindi, da questo, la necessità di dover ricorrere a più consigli medici, da parte di professionisti non coinvolti direttamente, soprattutto per curare l'aspetto della sicurezza sanitaria per altri problemi che potrebbero insorgere nel corso degli anni.
Nella speranza di ottenere delle risposte, chiedendo scusa per il disturbo, l’occasione mi è gradita per porgere distinti saluti.

Gradita risposta anche via <a href="http://www.medicitalia.info/00it/medico.asp?id=1176">e-mail</a>.

<p align="center"><img src="consulti/860.jpg"></p>

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
e' possibile che il frammento di ago sia la conseguenza di una sutura eseguita durante uno degli interventi chirurgici.Le clip hanno un aspetto radiologico diverso.
Se e' palpabile nel sottocute puo essere asportato con anestesia locale.Se e' asintomatico, nel tessuto sottocutaneo, puo' essere lasciato in sede senza particolari problemi.Auguri!
Dott.Andrea Favara
chirurgo
Milano