Utente 991XXX
Cari dottori,
sono un ragazzo di 27 anni e prima dell'estate 2008 mi è stato diagnosticato un varicocele di I-II grado a sx, accompagnato da due punte d'ernia (una a dx e una a sx). La diagnosi è stata effettuata dopo essermi rivolto ad un urologo a causa della presenza di pesantezza-fastidio al testicolo sx. L'urologo ha sconsigliato l'intervento chirurgico a questo stadio e mi ha prescritto un antinfiammatorio a base di ananas (di cui non ricordo il nome) da prendere per una settimana. Il farmaco però non ha migliorato il fastidio. Ho richiesto quindi un secondo consulto; la diagnosi è stata analoga al primo consulto: varicocele di I-II grado, antinfiammatorio (che non sono riuscito a prendere a causa di disturbi allo stomaco) e non indicato l'intervento chirurgico. Questa visita risale a giugno-luglio 2008. Da allora il fastidio si è intensificato e si irradia posteriormente alla coscia.
Dopo avervi descritto la mia situazione vi porgo alcune domande; non c'è mai stata molta chiarezza da parte dei medici da me consultati rispetto alla relazione tra varicocele e infertilità per cui io mi chiedo: un varicocele di I-II grado può generare problemi di fertilità? può peggiorare o rimarrà sempre di I-II grado? Posso fare ulteriori indagini per capire se potrei avere problemi di fertilità? E' meglio agire adesso anche se il varicocele è di I-II grado, come forma di prevenzione? Ricordo inoltre che oltre alla paura di una possibile infertilità, c'è anche un evidente fastidio che mi accompagna quotidianamente e la presenza di due punte d'ernia (è il caso di intervenire anche su questo?). Infine vorrei chiedervi se potete consigliarmi un buon medico di Torino al quale richiedere un ulteriore consulto per eventualmente intervenire.
Vi ringrazio anticipatamente e mi scuso per le troppe domande ma i dubbi sono troppi!
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le questioni che lei pone sono in effetti spinosette.
1) il 15% circa dei maschi ha un varicocele, solo 1/3 problemi seminali. Pertanto le consiglio di eseguire due spermiogrammi. Le invio il link con le modalità precise di esecuzione.
http://www.giorgiocavallini.altervista.org/contenuto/spermiogramma.htm
2) Il varicocele ha cinque gradi ecodoppler e tre gradi clinici: il I grado ecodoppler non si opera anche in presenza di alterazioni seminali, il II grado parliamone, III, IV, V grado ecodoppler sono chirurgici se esiste alterazione seminale. Se è un I-II grado clinico valuterei con interesse l' opzione chirurgica in presenza di alterazioni seminali
Le invio link su varicocele
http://www.giorgiocavallini.altervista.org/contenuto/varicocele.htm.
3) Francamente preferisco monitorizzare i pazienti con spermiogrammi ogni 3 anni in presenza di esami normali, piuttosto che ricorrere va chirurgia preventiva: il varicocele è corregibile a tutte le età e i successi non cambiano.
4) Il dolore alla coscia sembrerebbe più di interesse ortopedico-neurologico che andrologico.
5) A torino vada alle Molinette-Urologuia e li troverà eccellenti colleghi.
Faccia sapere se vuole.