Utente 993XXX
salve, sono un ragazzo di 34 anni da circa 5 anni ho problemi di erezioni,l dopo 2 anni dell'inizio del problema ho deciso di affrontarlo andando da un urologo dopo la visita ho fatto le analisi del sangue, e del testosterone, un ecografia prostatica transrettale(compresi reni e viscica)...dopo questi esami che sono risultati tutti ok.. mi ha prescritto il cialis e per quache mese un integratore che se non ricordo male si chiamava androvir..dopo ho continuato la terapia solo con il cialis..da quando ho iniziato ad usare il cialis le cose per me sono cambiate molto ho inziato da subito ad avere dei rappporti abbastanza normali nel senso che ho delle erezioni che durano abbastanza x avere un rapporto soddisfacente ma non sono mai riuscito ad avere un orgasmo in questi 5 anni...quindi dopo i risultati piu che positivi degli esami ho deciso di andare da un opsicologo in quanto mi e stato definito un problema a livello psicologico e non fisico...ma ancora tutt'oggi neanche con quasi 2 anni di psicanalisi sono riuscito ad avere rapporti completi con orgasmo e i rapporti avvengano sempre con l'assunzione di cialis poche volte sono riuscito senza...anche se a livello emozionale sono migliorati molto. xche inizialmente anche emotivamente non sentivo quasi nulla...premetto che ho 1 vita molto particolare, faccio il pasticcere da 10 anni l'attività è mia, per 6 anni ho sempre lavorato di notte con 1 solo riposo notturno settimanale, ferie non più di 20gg nell'arco di questi 6 anni..mentre da quasi 1 anno faccio 1 settimana di nottte e 1 di mattina grazie ad un aiuto che sono riuscito a trovare. Sicuramente la mia vita lavorativa non mi aiuta a risolvere i miei problemi infatti proprio grazie anche alla psicanalisi ho cambiato la mia vita perche da queste sedute è emerso che il mio problema è in gran parte causato dal mio lavoro, troppo stress, stanchezza fisica e mentale ecc...ma come dicevo prima però il mio problema continua.. quindi mi sorge il dubbio che il mio problema non sia solo psicologico, e leggendo tutti i vari casi nel vosrto sito ho trovato un caso che mi accomuna, ovviamente nella mia ignoranza, e x questo motivo cha vi mando questa mail, gurdando le analisi ormonali che ho fatto anche se a detto dell'urologo erano nella norma nel foglio del laboratorio c'era scritto questo:
CONCLUSIONI: testosterone totale e libero e gonadotropine ai limiti inferiori della norma, da valutare nel contesto clinico,valutare l'opportunita di un test da stimolo con gnrh quale percorso diagnostico per un eventuale ipogonadismo centrale.
ovviamente io questo esame non l'ho mai fatto perche il medico non lo ha ritenuto necessario..ma dopo tutto questo tempo e dopo ciò che ho letto in questo sito mi viene il dubbio di avere dei problemi a livello ormonale,quindi non so se e il caso che cambio dottore e ricomincio un indagine più approfondita, ma siccome non ho molto tempo e denaro da sprecare vorrei prima un suo consiglio su casa sia meglio fare nel mio caso,onde evitare inutili errori, le mando anche l'esito delle analisi ormonali così forse le è più chiara la situazione..ovviamente non pretendo la soluzione del mio problema ma vorrei solo un consiglio su cosa fare visto che ho 34 anni non vorrei passare la vita da un opsicologo e con l'aiuto del cialis.

TIREOTROPINA(TSH) 0.95 Uul/ml
TIROXINA LIBERA(ft4) 1,23 ng/dl
TRIIODOTIRONINA LIBERA(ft3) 0,35 ng/tl
FSH 1,63 mlU/ml
LH 1,84 mlU/ml
PROLATTINA(PRL) 2,7 ng/ml
17BetaESTRADIOLO(E2) 20,6 pg/ml
TESTOSTERONE TOTALE 4,3 ng/ml
TESTOSTERONE LIBERO 11,9 pg/ml

mi scuso per questo poema ma non riuscivo a riassumere aspetto in una sua risposta grazie.
cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

le valutazioni ormonali fatte sembrano nei limiti della norma ma a questo punto segua le indicazioni ricevute dallo specialista consultato.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
buona sera,
la ringrazio x la sua immediata risp. lei mi consiglia di seguire quello che mi ha detto lo specialista, ma lo specialista dopo gli esami che avevo fatto mi aveva consigliato di provare con l'opsicologo..dato che fisicamente ero sanissimo, quindi mi sono dedicato alla psicanalisi e dal mio specialista non sono più andato, quindi dalla sua risp. non so se intende dire anche lei la stessa cosa, cioè seguire ancora la psicanalisi o seguire i miei dubbi e quindi rifare degli altri esami...dato che ancora oggi non ho ancora risolto questo problema..e ancora oggi non riesco ad avere la risp del mio problema, dato che prima dei 30 anni non avevo di questi problemi...tra l'altro nella prima lettera non le ho detto che io e la mia compagna vorremo avere dei figli ma con questo problema ormai stiamo perdendo la speranza di avere un figlio...
domenticavo di dirle che ho letto tutti i siti che mi ha mandato, e ho dedotto che questo problema è cosi complesso che ci sono tantissimi casi che lo causano..casi che non avrei mai pensato potessero esistere prima di trovare questo sito..

la saluto e la ringrazio nuovamente!

[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

In base alla mia personale esperienza non credo che problematiche "psicologiche" possano determinare un quadro come quello che lei descrive.
Bisognerebbe stabilire, prima di tutto se lei "eiacula", in caso contrario, perchè non le fuoriesce lo sperma:
La sensazione dell'orgasmo va vista nel rapporto masturbatorio o sessuale penetrativo. Mai orgasmo ??
La psiche la metterei dopo aver risolto tali problemi "meccanici"
cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

a differenza del collega Pozza, non escluderei che un problema psicologico sia l'origine ed il motivo principale per cui lei ha questi problemi sessuali e quindi non le direi di abbandonare le corrette indicazioni datele dal suo andrologo e dal suo psicologo.

Comunque, a questo punto, per avere ulteriori informazioni dettagliate sui suoi problemi sessuali le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=65191 .

Qui potrà trovare ulteriori spunti per approfondire con il suo andrologo queste tematiche.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#5] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
buonasera,
rispondendo al dott.Pozza sull'eiaculazione...io ho un rapporto sessuale normale ovviamente con l'assuzione del cialis..ma arrivo ad un certo punto che cala l'eccitazione non provo più nulla..e come se entrasse un blocco e non riesco a concludere..quindi non eiaculo xche non riesco neanche ad arrivare all'orgasmo..(neanche con la masturbazione)! ci sono arrivato vicino qualche volta, sopratutto quando io e la mia compagna siamo via x un weekend o ferie, in quei momenti i miei rapporti sono più intensi e ci manca un secondo all'orgasmo ma pur troppo c'è sempre quel qualcosa che blocca..premetto che in passato non avevo di questi problemi i miei rapporti concludevano con eiaculazione poteva succedermi raramente di non avere erezioni...con l'opsicologo è emerso che sono molto controllato come persona pur troppo x via del mio lavoro ho cambiato, un pò tanto forse..la mia vera natura nel senso che ero una persona molto impulsiva,istintiva ma nel mio lavoro tutta questa istintività non andava bene quindi ho cambiato atteggiamento..e altre a questo, ovviamente poi ne seguono altri come una catena senza accorgentene,diventi un altra persona x difenderti ti metti una maschera e quella maschera quell'atteggiamento forse me la portavo anche nel letto quando ero con la mia compagna..ora per fortuna quell'autocontrollo su di me, e sulla mia attività lavorativa si è modificato parecchio, ma il mio problema anche se è migliorato resta..oltre a questo c'è stanchezza fisica mentale stress mille problemi ecc.come già detto nella precedente risp... consultando il sito consigliato dal dott.beretta riguardo alle varie problematica psicologiche non mi ritrovo in nessuno di quei casi nel senso che con la mia compagna ho un rapporto sereno ci amiamo molto nonostante la mia vita complicata e il mio problema..e il desiderio di avere figli riguarda entrambi non solo lei...quindi non mi sento oppresso...i miei genitori mi hanno dato un ottima educazione..ecc..l'unica cosa che ho trovato in comune con me il fatto del controllo come già ho spiegato prima...ho fatto con lo specialista anche il controllo del diabete,visto che oltre ad essere in sovrappeso, mia nonna materna lo aveva, quindi inizialmente si pensava fosse quello il mio problema ma diabete non ne ho.. e non ho nanche la eiaculazione retrogada..l'unica cosa che ho pensato ora leggendo sempre i casi nel sito riguardo quando ci sono prblemi neorologici ..che circa 6 anni fa mi hanno trovato una ciste dentro la testa no tumorale e non modificata di dimensioni,ma parlando con lo specialista dice che non centra nulla..anche se quando avevo scoperto questa cosa ho passato un anno con la depressione poi ne sono uscito ma da quel periodo poi sono iniziati i miei problemi di erezione...quindi non saprei..non so'cosa sia successo dentro di me da cambiare così tanto la mia vita sessuale..
ringrazio nuovamente per le vostre risp.
cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

da quello che ci scrive non posso che indicarle di continuare il suo percorso terapeutico con il suo psicologo.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#7] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
ringrazio nuovamente per la risposta,
quindi anche secondo lei posso escludere completamente che ci sia qualcosa di organico nel mio problema..?
gli accertamenti che ho fatto sono sufficienti nel mio caso? e sopratutto vorrei sapere se dopo 2 anni di percorso terepeutico con l'opsicologo posso continuare a credere di risolvere il mio problema...perche io sinceramente da un po' di tempo sono un po' dubbioso piu che altro perche se non ho problemi organici, puo'solo la mente provocare tutto questo impedimento..? nonostante io amo e desidero la mia compagna...io solitamente non mi abbatto difronte hai problemi..ma ultimamente pero'mi prende il panico perchè ho paura che il mio problema non riusciro' più a risolverlo' e che x avere dei rapporti sessuali debba ricorere a vita a queste pillole..secondo lei solo con la psicoterapia potro' guarire...?

cordiali saluti
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
basandoci su quello che ci scrive possiamo solo dire che vi sono molte ma molte probabilità che tutti i suoi problemi abbiano una forte componente psicologica.

Detto questo poi purtroppo bisogna anche dire che gli interventi psicoterapeutici non sono ad evoluzione positiva rapida e richiedono sempre molta ma molta pazienza ed a volte anni di "monitoraggio" oltre che naturalmente la presenza di un esperto e capace psicoterapeuta.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#9] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
il fatto è che a volte il mio caso mi sembra talmente più unico che raro, che ho dubitato parecchio che dipendesse proprio tutto, dalla mia mente cioè dlla vita un po' particolare che svolgo per via del mio lavoro..prendero' in considerazione cio' che mi ha scritto e cerchero' di avere più pazienza..solo un ultima domanda..ma il fatto che non abbia mai avuto un eiaculazione per tutto questo tempo non puo'compremettere la mia infertilità..? potro' avere dei figli o ci dobbiamo rassegnare che forse non riusciremo ad averne?
grazie ancora cordiali saluti
[#10] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
un ultima cosa che ho dimenticato di dirle, ultimamente ho fatto anche queste analisi per controllare il colesterolo visto il mio lavoro
il mio colesterolo totale e' ha 230
e colesterolo HDL 38
colesterolo LDL 179
dato che leggendo i suoi siti anche il colesterolo ha la sua importanza e i valori non mi sembrano molto bassi...e ancora non ho trovato il tempo x andare dal mio medico x farglieli vedere, nel frattempo vorrei un suo parere
cordiali saluti
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

tranquillo, prima bisogna arrivare a risolvere il suo problema sessuale e poi si valuteranno tutti gli altri aspetti della sua vita di coppia.

Sul colesterolo, senza patemi inutili, può attendere le precise e specifiche indicazioni che il suo medico curante, dopo aver valutato per bene tutto il suo quadro clinico, le darà.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#12] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

la medicina è bella ( o brutta) perchè ci possono essere percorsi diagnostici diversi magari per arrivare al corretto fine.
Io continuo ad essere convinto che prima di pensare che la causa di tali fenomeni sia psicologica bisognerebbe avere la "certezza" o quasi che sotto il profilo fisico tutto sia in ordine e, dalla sua storia clinica, non me la sentirei di poterlo escludere o perlomeno lei non riferisce tutti gli accertamenti che potrebbe esser importante aver effettuato.
Cari saluti


[#13] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
buonasera a tutti,
rispondendo al dott.pozza gli accertamenti che ho fatto li ho comunicati tutti, e secondo il mio andrologo erano sufficienti a stabilire che a livello organico non avevo nulla, oltre al mio andrologo me lo aveva detto il medico che mi ha fatto l'ecografia prostatica transrettale (compresi reni e viscica). Tra l'altro per fare questo esame mi ha mandato in un centro specializzato a lucca, detto questo secondo la sua esperienza quali altri accertamenti dovrei fare? e sempre secondo la sua esperienza se mi consiglia altri esami x esludere totalmente ogni dubbio organico quale potrebbe essere il mio problema?
grazie ancora cordiali saluti
[#14] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

a differenze di altri colleghi del sito, penso che le indicazioni date dai colleghi che hanno potuto valutarla in diretta sono importanti e generalmente basate su osservazioni dirette e decisive che purtroppo noi non abbiamo potuto fare.

Le ripeto che ,dai dati clinici che ci ha inviato, mi sembra che i colleghi che la stanno seguendo siano sulla corretta strada, non faccia altre indagini inutili a meno che siano loro stessi a darle la precisa indicazione a farle.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#15] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore ,

io, non so se altri hanno altre informazioni, vedo che lei ha fatto degli esami ematochimici, degli esami ormonali, una ecografia TR , una visita specialistica.
Con questi dati avere certezza sulla assenza di fattori organici alla base di un quadro di anorgasmia o aneiaculazione mi sembra piuttosto difficile, almeno per la mia preparazione in materia.
Io credo che un buon specialista andrologo possa, con il conforto della sua storia, della visita medica, e degli accertamenti di base o specialistici poter definire se lei emette o è in grado di emettere all'esterno spermatozoi, se è in grado di produrre ed emettere all'esterno liquido prostato-vescicolare, se esistano blocchi od ostruzioni alle/delle vie seminali, se esistano anomalie del collo vescicale... valutando poi i meccanismi del conseguimento dell'orgasmo magari con la conclusione che si tratta di un blocco psicologico ma, questo, alla fine del percorso.
cari saluti
[#16] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

le indagini di base da lei fatte , soprattutto l'ecografia transrettale di cui noi disponiamo solo una descrizione "sintetica", ed una attenta valutazione clinica con una completa raccolta della sua storia clinica sono generalmente più che sufficienti per orientare un esperto andrologo.

Segua, senza timori e dubbi, tutte le indicazioni che le darà in diretta il suo andrologo.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#17] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
buona sera,
rispondendo ad entrambi devo dire che ho un po' di confusione dato che avete 2 opinioni completamente diverse...comunque risp.al dottor pozza riguardo a quello che dice sul fatto..se riesco ha produrre spermatozoi o se riesco a produrre o emettere liquido prostato-vescicolare o se ci sono ostruzioni o blocchi alle/delle vie seminali ecc. penso che dalla ecografia che ho fatto a lucca dovevano vederlo se c'era almeno 1 di questi problemi di cui lei mi parla, poi non sono un medico mi baso sul fatto che da come mi è stato spiegato riguardo a quell'ecografia cioè che sia a livello di prostata e di testicoli ecc. era tutto nella norma e non era risultato nulla di anomalo (e in caso contrario doveva risultare almeno 1 problema), a meno che quell'esame non sia sufficiente per stabilire cio' che dice lei o altro, ma sono necessari altri esami..anche perchè ripeto quando ho fatto quell'esame mi ero tranqillazzato parecchio perche a detta di quel medico oltre il mio andrologo ero sanissimo..poi col passare del tempo mi sono tornati dei dubbi xche non essendo io medico ma vedendo che le cose sono migliorate, ma non sono come ero 1 volta, ho pensato che forse non erano sufficienti gli esami che avevo fatto anche se sicuramente sono convinto che la mia vita lavorativa sia di gran parte la mia causa ma ho il dubbio che oltre a quella possa esserci altro, quindi non so' che fare..e le chiedo secondo lei cosa dovrei fare??
ringrazio ancora entrambi cordiali saluti
[#18] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

le ripeto che, secondo il mio parere, le indagini di base da lei fatte, soprattutto l'ecografia transrettale ed una attenta valutazione clinica con una completa raccolta della sua storia clinica sono generalmente più che sufficienti per orientare un esperto andrologo.

Segua quindi, senza inutili timori e dubbi, tutte le indicazioni che le darà in diretta il suo andrologo.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#19] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
salve,
mi scuso per l'attesa a risponderle ma ero troppo preso dal lavoro, la ringrazio ancora per la risposta, prendero' in considerazione il suo consiglio...nel frattempo sono stato dal mio medico curante per fargli vedere le analisi, e mi ha consigliato di mettermi a dieta per il colesterolo e di smettere anche di fumare questo a prescindere dal mio problema...ora credo che tornero' dal mio andrologo dato che e 1 anno e mezzo circa che non ci vado e vedremo il da farsi grazie ancora
cordiali saluti
[#20] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

nell'attesa della vista andrologica, segua attentamente tutte le sagge indicazioni datele dal suo medico curante.

Auguri ed ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#21] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
buona sera dottor beretta
le volevo comunicare che ho seguito il suo consiglio, sono tornato dal mio andrologo, mi ha fatto ripetere gli esami ormonali e mi ha presritto delle iniezioni di gonasi, che avevo già fatto due anni prima ma non mi erano servite molto..nel frattempo ho continuato ad andare dall'opsicologo, il quale mi ha chiesto di poter vedere le mie analisi ormonali..e vedendole mi ha consigliato di andare in un centro specializzato perche secondo il suo parere ovviamnte(di opsicologo e non di medico specializzato)il testosterone per un uomo di 34 anni gli sembrava un po' basso e anche il mio medico curante mi ha consigliato di seguire il cosiglio dell'opsicologo, considerando anche il fatto che sono passati 3 anni e in questi 3 anni non ho ancora una risposta concreta al mio problema quindi andando in un centro specializzato approfondiranno di piu e forse riusciranno a capire la vera natura del mio problema.

ringrazio nuovamente cordiali saluti
[#22] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

purtroppo da questa postazione non posso che confermare le indicazioni datele dal suo medico curante.

Provi a riconsultare un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#23] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
buona sera
grazie ancora x avermi risposto le faro' sapere se ci saranno dei nuovi risultati

cordiali saluti
[#24] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

la sua lunga storia presenta, a mio parere, alcuni punti poco chiari.
Spesso tra gli specialisti che trattano i problemi andrologici ci sono valentissimi urologi che, però, non sono abituati a "muoversi in maniera adeguata" nel campo della endocrinologia. a gestire gli ormoni e le terapie ormonali, così come ci sono valenti andrologi che non sanno come muoversi nelle patologie renali o vescicali.
La anorgasmia non è una patologia endocrinologica.
Il fattore psicologico è spesso presente più come conseguenza del fenomeno che come causa.
Purtroppo non sempre si riesce a risolvere un caso di anorgasmia
Cari saluti
[#25] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
buona sera dottor pozza
rispondendo alla sua email le chiarisco che il mio psicologo o il mio medico curante non mi hanno proprio detto che la causa della mia anorgasmia potesse dipendere totalmente da un problema di ormoni, ma piu che altro entrambi mi hanno consigliato di aprofondire gli esami per il semplice fatto che il testosterone per un uomo della mia età era un pò basso..e che nel posto dove ho fatto questi esami non sono molto attendibili dato che ha distanza di 2 anni tra l'altro anche i valori di riferimento sono cambiati in piu l'opsicologo mi ha anche dato questo consiglio perche ad un suo paziente che aveva il teststerone basso aveva problemi anche lui a terminare il rapporto e se lo terminava ci metteva un sacco di tempo...e poi a distanza di tre anni da quando ho decisso di afftrontare questo problema ancora oggi non ho la risp vera e propria al mio problema, io sinceramente non so piu cosa fare se non seguire il loro consiglio xche credo che dopo esssere stato in un centro speccializzato su queste problematiche una risp dovrei avercela, in caso contrario pazienza io almeno posso dire di aver provato se non tutte le soluzioni quasi..lei al mio posto che farebbe? se ha altri consigli da propormi gli accetto volentieri poi decidero' che fare.. e poi vorrei sapere della mia storia cosa non le è chiaro se vuole sapere qualcosa che non ho scritto me lo chieda pure io gli esami che ho fatto gli ho sritti tutti, cmq le rispondero' se vuole chidermi altre cose

la ringrazio per la sua risp
cordiali saluti
[#26] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

la via telematica può consentire di esprimere pareri medici "flash" anche corretti. altre volte diventa difficile esprimere pareri conclusivi analizzando un caso in maniera "spezzettata", a puntate:
cari saluti
[#27] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
buona sera
grazie per la risp, ma non riesco a comprenderla totalmente non so cosa volesse dire con la frase "analizzando il caso in maniera spezzata"...o meglio non so se ho capito bene quello che volesse dirmi...

cordiali saluti