Utente 896XXX
Salve,
un anno fá mio padre (63 anni con nessun problema di diabete, colesterolo alto ed ipertensione;non fumatore )accusava dolori in sede in sede epigastrica durante sforzi fisici.

Si é sottoposto a un prova da sforzo che é risultata positiva per Ischemia Subendocardiaca a basso carico ergometrico per sottoslivellamento del tratto S-T orizzontale.

Ha effettuato nei giorni successivi una coronarografia tramite la quale sono state effettivamente riscontrate delle stenosi (del 75%) sia nella coronaria di sinistra che in quella destra.

Ha quindi subito un intervento di By-pass aorto-coronararico (4 by-pass) nel dicembre del 2007 ed é stato dimesso con la seguente terapia:
-Flupid 250mg;
-Pariet 20mg
-Diladel 200mg
-Sivastin 40mg(preciso che mio padre non ha mai avuto colesterolo alto)

Da allora ha effettuato 2 prove da sforzo, 1 ecostress, 2 holter dinamici e numerosi elettrcardiogrammi risultati tutti nella norma.

NONOSTANTE CIO'mio padre continua ad accusare dolori nella zona dell'epigastrio ( senzo di costrizione e pesantezza accompagnato qualche volta da vomito)con modalitá ed intensitá simili ai dolori avvertiti prima dell'intervento.

Tutti i controlli effettuati peró,come giá detto,risultano nella norma.

Vi chiedo: quale altro controllo dovrebbe effettuare per escludere la possibilitá che il dolore natura ischemica e quindi legato al cuore?

Soffrendo di problemi gastrici da numerosi anni, puó il dolore essere imputato a ció?

ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilitá e cortesia.

Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, ritengo che il dubbio sulla natura ischemica o gastrica del dolore riferito da suo padre, si possa risolvere con una esogastroduodenoscopia, che permetterebbe di evidenziare una eventuale infiammazione a carico della mucosa gastro-esofagea, spesso causa di dolor simil-ischemici come quelli avvertiti da suo padre. In caso di negatività, consulti il suo cardiologo sull'eventualità di una TAC multislice o una coronarografia.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 896XXX

Iscritto dal 2008
Salve,
la ringrazio per la risposta.
Mio padre ha effettuato una gastroscopia quache mesa fá con referto: PRESENZA DI ERITEMi ed EDEMI (ha da diversi anni questi problemi gastrici).

Puó ció causare ''senzo di costrizione'' e "pesantezza" nella zona epigastrica?

[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Sì, a tal proposito sarebbe utile aumentare la terapia protettiva gastrica. Si rivolga al suo curante. Saluti