Utente 970XXX
gent.dott.mi sono sottoposta all' intervento per sindrome del tunnel carpale dx,dove si e' rilevato il nervo mediano sofferente e compresso nel suo terzo medio con congestione dei vasa nervorum.Imponente tenovaginalite;tenovaginalectomia.Volevo sapere cos e' esattamente e se la ripresa sara' normale e se,essendo dovuto all'usura lavorativa si puo' aver diritto ad un risarcimento da parte dell'inail.Aggiungo che dovro' sottopormi all'intervento anche alla mano sx.La ringrazio doverosamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. Sig.ra,
la condizione descritta nel referto operatorio è di frequente osservazione. La compressione del nervo mediano si accompagna infatti molto spesso (e ne è aggravata) da una infiammazione con rigonfiamento delle guaine dei tendini flessori (teno-vaginalite), che condividono il ristretto passaggio al polso. L'intervento di teno-vaginalectomia consiste appunto nella asportazione del tessuto ipertrofico ed infiammato che aggrava la compressione sul nervo mediano. La congestione dei "vasa nervorum" è un segno evidente di sofferenza e compressione sul nervo mediano. Per alcune occupazioni particolari la sindrome del tunnel carpale è riconosciuta in italia come "malattia professionale".
La specializzazione di "medicina del lavoro" si occupa anche di queste correlazioni.
Non mi risulta che l'INAIL sia l'ente competente in questo caso, a meno che la sua patologia non sia stata scatenata da un infortunio lavorativo.
[#2] dopo  
Utente 970XXX

Iscritto dal 2009
grazie infinite per la chiara esposizione e gentilezza buon lavoro